logo

Alcuni imprenditori ancora non capiscono la differenza tra il margine sui beni dal margine e quindi fissano il costo dei loro prodotti, concentrandosi sulle azioni dei concorrenti. Non c'è nulla di sorprendente nel fatto che dopo tali esperimenti, gli uomini d'affari non solo non possono guadagnare, ma addirittura fallire. Tuttavia, un certo numero di formule è stato sviluppato in economia che non renderà i prezzi rovinosi, ma porterà solo profitto.

A loro volta, gli analisti forniscono numerose raccomandazioni importanti, da cui viene formato il prezzo finale dei beni al dettaglio per il consumatore.

Differenza tra margine e margine

Quando sentite dal lato che l'azienda lavora con un margine del 250%, dovreste capire che questo non è corretto, inoltre, il margine stesso non è ammissibile. Piuttosto, è un markup. Affinché l'imprenditore non abbia confusione in questi 2 concetti, suggeriamo di comprendere le differenze su esempi reali.

Supponiamo di aver acquistato un prodotto dal fornitore per il quale è stata pagata la somma di denaro specificata, che sia di 1.000 rubli. Quando spedisce i prodotti a un punto vendita, un uomo d'affari aggiunge artificialmente una somma aggiuntiva di denaro e riceve il valore al dettaglio.

È anche utile per un imprenditore scoprire che esiste un termine per i prezzi effettivi, cioè quando i prodotti sono venduti in conformità con promozioni incentive in vacanza o certificati regalo.

Ora qualche parola sul margine. Il margine è una parte dell'offerta di moneta aggiuntiva che consiste nel prezzo al dettaglio del prodotto, che in realtà è la differenza tra i prezzi al dettaglio e quelli di acquisto. Per le sue dimensioni, è facile capire su quale tipo di profitto netto contare se i beni vanno al compratore ad un prezzo fissato dall'uomo d'affari.

La differenza più importante tra margini e margini di trading è che il primo non può essere più alto del prezzo di acquisto per i prodotti, cioè non supera il 100%, quindi il margine predefinito si trasforma in un margine.

Nel 2018, nel commercio al dettaglio, esiste un rapporto di maggiorazione che riflette il rapporto tra il valore al dettaglio e il prezzo di acquisto, ma non è determinato come percentuale, ma in termini assoluti e viene utilizzato esclusivamente per calcoli semplici. Nel nostro esempio, il coefficiente è uguale a 2,5.

Quale dovrebbe essere il margine commerciale

Quando l'imprenditore determina quale sarà il margine sui beni nel commercio al dettaglio. È necessario tenere conto dei numerosi costi affrontati, dal periodo di acquisto dei prodotti e fino alla fissazione del prezzo di vendita. Il margine commerciale dovrebbe rendere redditizio il business, ma allo stesso tempo sollevare per i cittadini solvibili.

I principianti nelle attività commerciali hanno spesso paura di fissare il prezzo costoso della merce. Certo, è sciocco fissare un costo elevato su un prodotto normale che ha il vicino di un concorrente. Ma se i tuoi prodotti sono di un ordine di grandezza migliore, più esclusivo e, infine, più utile, solo un prezzo di vendita elevato indicherà caratteristiche speciali. La lealtà nei confronti dell'acquirente dovrebbe essere selettiva e in nessun caso non rovinerà la tua attività.

Quindi, calcola quanti soldi sono stati spesi per:

  • acquisto di prodotti e loro trasporto al luogo di vendita;
  • pagamento di intermediari e dazi doganali;
  • noleggio di locali in cui vengono venduti i beni;
  • promozioni e newsletter;
  • pagamento delle tasse.

Ora aggiungi l'IVA al valore risultante se è pagata dal sistema fiscale scelto nel 2018. Prima di collaborare con un grossista, chiedi immediatamente quale formato fiscale ha, altrimenti la collaborazione potrebbe non essere redditizia.

Una parte integrante dei margini commerciali delle merci nel 2018 è l'importo stimato del profitto. Per valutare i ricavi reali dalla vendita di un prodotto, è necessario studiare il mercato per l'offerta e la domanda, prestare attenzione al marketing e fare affidamento sul proprio intuito.

Il prezzo totale al dettaglio è influenzato dai seguenti fattori:

  • concorrenza nella zona in cui si trova l'outlet;
  • ampia linea di prodotti vari;
  • l'unicità dell'offerta;
  • "Necessità" del prodotto per il consumatore;
  • posizionamento di successo del negozio.

Pertanto, non bisogna affrettarsi ad aprire un'attività, prestare la dovuta attenzione alla pianificazione e allo sviluppo di un piano aziendale. È meglio gettare una quantità maggiore di spese in un progetto commerciale rispetto al reddito, in modo che dopo non rimanga con un portafoglio vuoto.

La legge prescrive anche rigorosamente un elenco di prodotti fissati a livello statale, l'importo del margine su cui non può eccedere i valori stabiliti. Si tratta principalmente di alimenti per l'infanzia, preparazioni mediche, prodotti, cibo per scolari e studenti in istituti scolastici, prodotti importati per la vendita nell'Alto Nord.

Prevedi come il commercio sarà difficile. Gli esperti suggeriscono 2 risultati imprevisti:

  1. Un imprenditore può acquistare beni molto a buon mercato e approfittare di un ampio margine, mentre le entrate saranno sostanziali, e allo stesso tempo il prezzo di vendita rimarrà a disposizione dell'acquirente.
  2. E viceversa - il costoso prodotto unico nell'acquisto, anche con un piccolo margine di trading, non è richiesto e giace semplicemente sugli scaffali, senza destare interesse tra i clienti. Di conseguenza, la percentuale di entrate diminuisce, i soldi non ruotano, la redditività dell'attività diminuisce.

Come nel 2018 c'è una maggiorazione sulla merce al dettaglio

Nella vendita al dettaglio, il mark-up su un prodotto è definito come:

  • un unico interesse, che può riflettersi in un unico importo fisso del premio per tutti i gruppi di prodotti;
  • percentuale per ciascuno dei gruppi di merci;
  • percentuale media per la gamma presentata dall'imprenditore.

Se un uomo d'affari desidera che i prodotti di diversi produttori e fornitori siano implementati in modo uniforme, e il prodotto non mente, è auspicabile mettere un prezzo al dettaglio unico, in questo caso il sovrapprezzo sul prodotto sarà completamente diverso.

L'indennità commerciale può variare nel processo di vendita del prodotto in conformità con le caratteristiche del fatturato. Il compito del margine commerciale è quello di portare il business a un vantaggio, riducendo al minimo i costi e aumentando i ricavi. Ad esempio, le vendite mostrano buoni risultati, i ricavi sono in costante crescita, quindi per qualche tempo il venditore può permettersi di spendere uno sconto, stimolando l'azione, a seguito della quale il prezzo di vendita diminuirà a causa di una riduzione del markup.

Ma anche compiere l'azione a spese di se stessi economicamente è sbagliato. Approfitta delle agevolazioni fiscali o risparmia sull'elettricità.

Metodi per il calcolo del margine commerciale

Nel 2018, puoi calcolare il margine commerciale utilizzando uno dei seguenti metodi:

  1. Concentrandosi sull'ammontare totale delle entrate derivanti dalla vendita di beni. Viene utilizzato se viene registrata la stessa percentuale di ricarico per tutti i prodotti venduti.

Trade markup = percentuale pianificata di markup / (100 + N)

  1. Tenendo conto della gamma coinvolta nel fatturato. Se la società offre beni alla popolazione con un margine commerciale diverso, ma tiene conto e controlla l'importo delle entrate per gruppi di prodotti con lo stesso margine di profitto.

Entrate = entrate delle merci 1 × margine stimato delle merci 1 + entrate delle merci 2 × maggiorazione stimata delle merci 2 +... + entrata delle merci n × maggiorazione stimata delle merci n

  1. Sulla gamma di prodotti in bilancio - se un inventario di prodotti viene effettuato alla fine del periodo di riferimento.

Entrate = saldo iniziale, che è fisso sul conto 42 + credito di rotazione sul conto 42 - addebito del fatturato sul conto 42 - saldo determinato alla fine del periodo di rendicontazione

  1. L'opzione di calcolare la percentuale media - se il margine su tutti i prodotti è diverso. La definizione più popolare, perché è la più veloce e la più semplice, anche se due formule vengono utilizzate contemporaneamente:

Percentuale di mark-up = (maggiorazione all'inizio delle vendite + maggiorazione al momento del ricevimento - maggiorazione durante il periodo di smaltimento delle merci) / (entrate delle merci vendute al prezzo di vendita + saldo dei prodotti) × 100%.

Entrate lorde = entrate × percentuale calcolata / 100.

Prodotti con il markup più alto

Abbiamo già capito per quali prodotti ci sono margini limitati e ammissibili. Quanta percentuale dovrebbe essere fissata per altri tipi di prodotti, spetta all'imprenditore decidere, in questo caso lo stato fornisce completa libertà.

Per comodità, gli analisti hanno identificato un elenco di beni ad alto margine sempre più richiesti e venduti rapidamente:

  1. Bevande. Gli esperti stimano che l'acqua di sorgente pura sia ora più costosa del petrolio, se li assumi la stessa quantità. Inoltre, non è necessario vendere soda zuccherata o limonata, l'acqua pulita ordinaria in condizioni di scarsa ecologia nel nostro tempo vale il suo peso in oro.
  2. I fiori danno un enorme profitto. Certo, hanno bisogno delle cure giuste e per la conservazione a lungo termine dovrai dotare di una presa con aria condizionata. Ma se sei abbastanza fortunato da trovare un fornitore affidabile che lavora sul listino prezzi con prezzi all'ingrosso allettanti, questo business andrà di pari passo.
  3. Alcol, sigarette. Un cittadino russo non sa ancora come rilassarsi senza l'uso di sostanze nocive, su cui gli uomini d'affari si scaldano bene le tasche.
  4. Spuntini, popcorn, patatine, marmellata. L'importante è aprire un negozio nel posto giusto, vicino a luoghi di divertimento, un parco, un parco acquatico, un giardino pubblico, dove molte persone e trampolini per bambini riposano sempre.
  5. Accessori per la vacanza. Oggi, gli eventi commemorativi vengono celebrati in modo brillante e in grande stile, soprattutto quando si tratta di feste per bambini.

Come fare un markup sui beni

Ai fini del profitto, ogni venditore si impegna a vendere i suoi prodotti al prezzo più alto. La differenza tra il prezzo di acquisto del prodotto e il prezzo della sua vendita è un margine commerciale. Questo ricarico non può essere uguale a zero, poiché il venditore sostiene i costi di trasporto, manutenzione del personale, spazi commerciali e così via. La vendita al prezzo di acquisto senza premio non è redditizia per il venditore.

La quantità di ricarico sui prodotti dipende da molti fattori. Sono la presenza e l'intensità della competizione, la qualità del prodotto, la promozione del marchio, il potere d'acquisto della popolazione, nonché le misure restrittive che lo stato impone a determinati tipi (gruppi) di beni socialmente importanti. La combinazione di questi fattori non ci consente di rispondere inequivocabilmente alla domanda su quale markup dovrebbe essere per il commercio al dettaglio.

Oggi in Russia, la maggior parte delle merci non è impostata il margine massimo sui beni secondo la legge. Ciò significa che, ad esempio, se si possiede un prodotto unico, quindi acquistandolo, condizionatamente, per 1000 rubli, è possibile impostare il prezzo di 1.000.000 di rubli. Dopotutto, solo tu hai un prodotto del genere. Ma qui c'è una limitazione. Questa restrizione impone un venditore sul mercato. E chi comprerà un gadget o vestiti per il prezzo? Il valore d'uso di questo prodotto è così alto?

La capacità di stabilire il prezzo ottimale per un prodotto, cioè la comprensione di come addebitare correttamente un prodotto, è determinata dalla conoscenza o, se lo si desidera, dal talento del venditore. Se il prezzo del tuo prodotto da parte della concorrenza è entro certi limiti, un aumento significativo del prezzo non ti porterà profitto, poiché le vendite diminuiranno, e una sottovalutazione di "imbroglio" potrebbe non aumentare il fatturato e il venditore subirà perdite.

Calcolo del margine commerciale

La dimensione dell'utile del venditore dipende sia dal margine di negoziazione che dal volume delle vendite.

Un premio molto elevato al prezzo di acquisto può ridurre significativamente le vendite e una diminuzione irragionevole del suo valore sottovaluta il profitto totale. Innanzitutto, considera i fattori che influenzano il valore dell'indennità commerciale. Questo è principalmente:

  • presenza di forti concorrenti;
  • lontananza dello sbocco dai fornitori di beni;
  • linea di assortimento di prodotti simili nell'outlet (ad esempio, il numero di marche di cioccolato nel reparto dolciario);
  • sistemazione in un luogo visitato da un gran numero di persone;
  • riconoscimento del marchio;
  • se il tuo prodotto è un consumatore quotidiano o un prodotto durevole.

Il ricarico minimo sulle merci per le tasse può essere calcolato sulla base del punto di pareggio. Questo può essere fatto con un metodo semplice.

Ad esempio, un imprenditore ha acquistato un lotto di prodotti omogenei per 100.000 rubli e intende realizzarlo in un mese. Allo stesso tempo, i suoi costi di noleggio sono 5.000 rubli, lo stipendio del personale è di 25.000 rubli, e altre spese (contabilità, pulizia, trasporto sono 10.000 rubli. Quindi il margine minimo sarà:

Margine = (5000 + 25000 + 10000) * 100/100000 = 40%

Un piccolo premio al prezzo di acquisto comporta una perdita, e una grande, un profitto. Tuttavia, se il fatturato cresce e l'imprenditore può vendere il lotto in due settimane, il margine minimo sarà:

Margine = (2500 +12500 + 5000) * 100/100000 = 20%

Questo semplice esempio mostra che con un sovrapprezzo del 30% puoi ottenere sia una perdita di 10.000 rubli al mese sia un profitto di 20.000 rubli al mese. Cioè, puoi ottenere 20.000 rubli di profitto alzando il margine al 60% o raddoppiando il fatturato.

Va tuttavia ricordato che una riduzione dei prezzi non sempre fornisce un aumento del fatturato. Per i prodotti stagionali di marca, il margine nei primi mesi "caldi" (settimane) delle vendite può raggiungere il 400-500% e anche di più. Pertanto, fuori stagione, i venditori stabiliscono sconti fino al 70% e hanno ancora un profitto.

Devo effettuare un supplemento su tutti i prodotti dello stesso

Se un imprenditore vende una gamma limitata di prodotti, imposta i margini individuali per ciascun articolo e può rispondere in modo flessibile alle fluttuazioni della domanda. Questo approccio è difficile con una vasta gamma nella presa anche tecnicamente (è difficile cambiare frequentemente i cartellini dei prezzi su centinaia di campioni visualizzati sugli scaffali), anche se i moderni programmi di computer "intelligenti" possono analizzare il corso delle vendite e dare consigli al venditore.

Di solito, gli imprenditori dividono i loro prodotti in gruppi di prodotti. Ad esempio, prodotti a base di carne, latticini, generi alimentari, pasticcini e così via. Quanta maggiorazione percentuale sulle merci nel commercio al dettaglio da stabilire per diversi gruppi di merci può essere stimata analizzando i prezzi dei concorrenti.

A volte, all'interno dello stesso gruppo di prodotti, gli imprenditori differenziano il margine in base al livello del prezzo di acquisto del lotto. Cioè, su prodotti a basso costo impostare un grande margine rispetto a quelli costosi. Un tale approccio potrebbe stimolare un aumento delle vendite di beni costosi e aumentare il profitto lordo.

Quale markup può essere fatto sulla merce secondo la legge

Come già osservato sopra, per la maggior parte dei prodotti, servizi e gruppi di prodotti in Russia non esistono restrizioni sull'entità dell'indennità commerciale. È determinato dalle stesse entità commerciali, tenendo conto delle realtà della situazione di mercato. Ma ci sono specifici gruppi merceologici socialmente significativi per i quali lo stato stabilisce la quantità massima di quote commerciali. Questi includono:

  • prodotti medici;
  • prodotti farmaceutici;
  • alimenti per l'infanzia;
  • servizi di ristorazione e ristorazione situati in istituti scolastici;
  • prodotti che vengono consegnati alle regioni del Far North e identificati a loro.

Le indennità per dispositivi medici e prodotti farmaceutici, così come la loro lista sono regolate dal governo della Russia. Per altri servizi e prodotti, i premi sono stabiliti dalle autorità regionali.

Va inoltre tenuto presente che un markup di oltre il 30% non è consentito su prodotti alimentari essenziali di prima necessità. Si tratta di prodotti da forno, generi alimentari, carne, latticini e altri prodotti, i cui prezzi costituiscono il costo del paniere del consumatore.

Qual è il markup messo nei negozi di alimentari?

Il margine sul cibo non deve superare il 30% del costo del prodotto. Ma forse questo non riguarda i nostri negozi, a volte la redditività, ad esempio, sul gelato è del 200%. Guardando quanto qualcuno aggiunge chimica.

Di recente ho visto un compito interessante in un libro di testo di economia. La linea di fondo è questa: Il venditore vende formaggio formaggio, torcendo la bilancia a 10 grammi, i clienti in media vengono a lui 40-80 volte e prendere una media di 200 g di formaggio, formaggio sul costo 280R media. Quali benefici riceve il venditore al giorno?

Quindi recentemente c'è stato un caso con me. Ho comprato caramelle a peso - 500 g e ho pensato che la commessa mi avesse inflazionato per 5 rubli, ovviamente, non è un sacco di soldi, ma ancora.

Margine sui prodotti nei negozi

Secondo l'azienda, i rivenditori stanno trattenendo i prezzi dei prodotti. "L'aumento dei prezzi nei negozi è causato dall'aumento dei prezzi di vendita dei fornitori. Allo stesso tempo, l'aumento dei prezzi all'ingrosso è in anticipo rispetto all'aumento dei prezzi sugli scaffali. "La crescita media effettiva dei prezzi sugli scaffali dei negozi dell'azienda è inferiore alla crescita dei prezzi di vendita dei fornitori per gli stessi prodotti", affermano i materiali dell'azienda ricevuti da RBC.

Ad esempio, i dati vengono forniti per alcuni tipi di merci. Ne consegue che, per il periodo dal 1 ° dicembre 2014 al 26 gennaio 2015, i prezzi medi di tre catene di vendita al dettaglio sono aumentati di un importo inferiore o uguale a quello dei prezzi all'ingrosso. Pertanto, secondo la società, il prezzo all'ingrosso del pane di frumento è aumentato del 10%, mentre il prezzo al dettaglio è diminuito del 12%, il prezzo del riso è aumentato negli acquisti all'ingrosso e al dettaglio del 48% e del 39% rispettivamente per il girasole - del 38% e 23 %, per sale da cucina - del 30% e del 4%, rispettivamente.

"Al fine di mantenere i prezzi e trattenere gli acquirenti, i margini commerciali su molti prodotti sono ridotti. I margini esistenti su prodotti socialmente significativi non superano il limite consentito dalla legge ", afferma l'azienda.

Inoltre, i dati comparativi sono presentati sulla magnitudine del mark-up su due date con una differenza di quasi due mesi. Ne consegue che i ricarichi per il pane e il sale da cucina erano il 1 ° dicembre 2014 e il 26 gennaio 2015, più il 24% e l'1% meno, rispettivamente, per miglio - 22% e 0%, per patate - 20% e 17%, per latte pastorizzato - 28% e 17%.

Come nota l'esperto, il margine più alto è fissato su prodotti i cui consumatori sono minimamente sensibili al prezzo, come alcolici, formaggi costosi, prodotti a base di carne, ecc. "X5 ha scelto gli esempi più illustrativi di prodotti per i quali il retail investe attivamente nel prezzo e limita i fornitori in parte della revisione del prezzo. Questo gennaio, il fattore principale dietro l'aumento dei prezzi sugli scaffali è che i fornitori rivalutano i beni acquistati o prodotti in termini di dollari e tassi di euro fissati a dicembre 2014. Nel mese di dicembre, i rivenditori trattenuti tentativi di rivedere i prezzi dei fornitori per aumentare il traffico "- spiega l'amministratore delegato della società« infoline-Analytics "Mikhail Burmistrov.

Il markup del rivenditore per i primi 300 beni che attraggono il traffico e per tutti i beni socialmente significativi è in genere minimo; Inoltre, quest'anno la strategia delle reti commerciali federali non sarà mirata alla marginalità, ma all'aumento del traffico e della crescita organica, e di fronte al calo dei redditi della popolazione, i rivenditori dovranno sacrificare il margine, ritiene l'esperto.

Più tardi mercoledì, i dati sui loro margini sono stati forniti dalla rete Dixie. Il rivenditore ha ammesso di essere stato costretto ad aumentare i prezzi al dettaglio in seguito al cambiamento delle condizioni da parte dei fornitori, "tuttavia, questo non funziona in modo simmetrico e con un ritardo massimo." Dal momento che l'inizio del 2014 e l'inizio del 2015, "Dixie", afferma anticipo gli aumenti dei prezzi di acquisto per quanto riguarda i prezzi al dettaglio sugli scaffali dei paniere di consumo di base del 4,6% e del 2,2% in tutta la gamma. "La rete stabilisce un margine commerciale minimo per i beni di un gruppo sociale, in alcuni casi zero. Ad esempio, il mark-up sul grano saraceno, olio di girasole, latte alimentare, zucchero, pollo, grano, mele in diverse regioni varia da 0 a 5%, "- ha detto in un comunicato.

"È un errore considerare il marchio come un profitto netto. Il profitto verrà generato dopo aver detratto i costi del personale, i negozi di noleggio e i magazzini, i costi di trasporto, le tasse e molto altro ancora. Ogni rete che opera nel segmento economico, cercando di fare ogni sforzo per ridurre queste spese operative per essere in grado di favorire una riduzione dei prezzi, e quindi attirare più acquirenti, "- ha detto il presidente di GC" Dixie "Ilya Yakubson.

Il 27 gennaio, la Procura di Mosca ha riferito sui risultati delle ispezioni che i margini sui prodotti nei negozi della capitale raggiungono il 130%. Come dichiarato dall'autorità di vigilanza, i suoi dipendenti hanno trovato "margini commerciali ingiustificati" in "L'alfabeto del gusto", "Crossroads", "Magnolias", "Dixie", "Magnite", "Bille" e "Spare".

I pubblici ministeri sulla base delle ispezioni hanno presentato 418 casi di reati amministrativi. I capi delle organizzazioni professionali hanno ricevuto 83 domande e 32 avvertimenti sono stati annunciati. Inoltre, la presentazione è stata fatta al capo del dipartimento del commercio e dei servizi a Mosca.

Il procuratore generale della Russia, Yuri Chaika, ha commissionato ispezioni nei negozi delle maggiori catene di vendita al dettaglio dal 20 al 23 gennaio.

Ricavi e spese del negozio di alimentari

Ti dirò subito che è molto difficile calcolare le entrate e le spese di un negozio di alimentari, poiché è influenzato da molti fattori: la posizione del negozio stesso, la mentalità della popolazione locale, così come il suo reddito, la dimensione del negozio stesso e una dozzina di altri fattori.

Ma ancora, ti darò numeri medi.

Spese di negozio

Inizialmente, voglio dividere il costo del negozio di alimentari in una volta e fissato:

Spese per la spesa di una volta

  1. Ridipingere la stanza. È possibile che dovrai effettuare la ridecorazione dell'area affittata. Se non hai bisogno di una riparazione di qualità super europea, allora basterebbero 60.000 rubli;
  2. Entrata dell'apparecchiatura al negozio. Inoltre, oltre alla ristrutturazione, dovrai perfezionare l'ingresso al tuo negozio di alimentari, per questi scopi ci vorranno circa 20.000 rubli;
  3. Iscriviti. A seconda delle preferenze, è necessario ordinare un cartello per il negozio. Il suo costo sarà di circa 10.000 rubli. Per maggiori dettagli, leggi l'articolo "Pubblicizza il negozio di alimentari";
  4. Pilastro. Lo stesso vale per la pubblicità e il suo costo medio è di 5.000 rubli;
  5. Attrezzatura commerciale Tutto dipende dalla varietà di attrezzature, spazio sul pavimento e dal produttore di attrezzature commerciali. Ma per un negozio di 50 mq l'attrezzatura costerà circa 100.000 rubli, anche se ovviamente tutto dipende dai moduli che installerai e in alcune posizioni che puoi salvare. Sebbene, come ho detto nel piano aziendale stesso, non dovresti risparmiare su queste cose;
  6. KKT (attrezzatura di controllo e di cassa). A seconda della tua tassazione, dovrai acquistare un registratore di cassa (il costo medio è di 20.000 rubli) o NIM (una macchina da scrivere, il prezzo medio è di 7.000 rubli);
  7. Cesti per gli acquirenti Se il negozio sarà self-service, è necessario questo accessorio. Il costo del kit è di circa 8.000 rubli;
  8. Strumento di lavoro Questa categoria avrà un costo di circa 10 000 rubli.;
  9. Acquisto di beni Distribuiremo 1.000.000 di rubli per le merci.

in totale spese forfettarie una tantum raccolte su 1 233 000 rubli. Permettetemi di ricordarvi che alcuni degli articoli sopra elencati potrebbero non essere affatto necessari per voi, o viceversa nel caso di un'area più ampia, la spesa per la spesa di una volta sola aumenterà.

Qui non ho preso in considerazione la registrazione del modulo di proprietà, ottenendo una licenza per l'alcol. Se prendi questi costi, costeranno altri 250.000 rubli. (licenza per l'alcol per un periodo di 5 anni).

Oltre alle attrezzature elencate, potresti aver bisogno di un extra: una cassaforte per soldi, una scatola per soldi, ecc.

Spese fisse del negozio di alimentari

Ora parliamo dei costi che i prodotti del negozio sosteranno costantemente:

  1. Affitto della camera. Se non hai i tuoi locali, dovrai noleggiarli e pagare l'affitto mensilmente. Il costo medio di affittare spazi commerciali è di circa 1.000 rubli. (anche se dipende da quale città e luogo, le sue dimensioni possono essere 2500 rubli). Prendo la media per la tua città. Con un prezzo di affitto di 1000 rubli. il costo del negozio sarà di 50.000 rubli. al mese (per 50 mq);
  2. Le tasse. Tutto dipende dalla tassa scelta, per scambiare le migliori opzioni per UTII e USN. Sulla tassa UTII ci saranno circa 25.000 al mese. Al sistema fiscale semplificato può essere calcolato solo con le mani sulla quantità di entrate negozio di alimentari;
  3. Salari. A seconda che il negozio lavori 24 ore su 24 o meno, il numero di dipendenti dipenderà da: 2 venditori per turno + caricatore + addetto alle pulizie. Con il lavoro 24 ore su 24, il s / n avrà un costo di circa 180.000 rubli;
  4. Detrazioni per i dipendenti. Il numero totale di detrazioni al PFR, al MHIF, al FSS sarà di circa il 30%, ovvero 54.000 rubli;
  5. Mantenimento di un conto corrente di circa 1.500 rubli. (con tutti i pagamenti);
  6. Pubblicità. La pubblicità dovrebbe essere fatta su base mensile e il costo di almeno 10 000 rubli.
  7. Altre spese impreviste 10 000 rub.

Costi fissi totali 330 500 rub.

Maggiorazione media sui prodotti in media del 30%

Ora determiniamo quali entrate il negozio di alimentari:

Guadagni della drogheria

Ho preso il calcolo delle spese sulla base del lavoro 24 ore su 24 e, pertanto, i redditi saranno calcolati anche sulla base di un lavoro 24 ore su 24:

  • In media, per un turno quotidiano, il reddito del negozio di alimentari è di circa 40.000 rubli. (ancora, tutto dipende da molti fattori, ma ho ricavato la cifra media);
  • In media, le entrate per il turno di notte sono di circa 15.000 rubli.

Otteniamo che al giorno il reddito del negozio di alimentari sarà di 55.000 rubli. al mese: 55.000 * 30 = 1.650.000 rubli.

La redditività del negozio di alimentari

Ora, avendo a portata di mano i numeri viventi, puoi calcolare la redditività del negozio di alimentari:

Spese condominiali: 330 500 rub.

Reddito mensile: 1 650 000 rub.

Maggiorazione del cibo in media del 30%

Calcolare il profitto dalle vendite: 1 650 000 * 30% = 495 000 rubli.

Utile netto del negozio di alimentari: 495.000 - 330.500 = 164.500 rubli. al mese

Questi sono i calcoli per un negozio di alimentari con una superficie di 50 metri quadrati, anche se ovviamente in ogni singolo caso i numeri cambieranno e in modo più preciso possono essere calcolati solo per posizione.

A questo punto finirò l'articolo, se hai qualche domanda, scrivili nei commenti o nel mio gruppo di social network Contatta "Segreti di business per un principiante".

Come fare un markup sui beni

L'attività di negoziazione comporta la vendita di beni con un premio per il profitto. Il margine commerciale è la differenza tra il valore iniziale dei beni e il prezzo fissato alla vendita. Il margine commerciale include i costi di trasporto, il pagamento per l'affitto degli sbocchi e gli stipendi dei dipendenti dell'azienda. Ciò significa che la vendita di beni a un costo causa perdite all'outlet. Di seguito proponiamo di parlare di come effettuare correttamente un mark-up sul prodotto e considerare tutti gli aspetti di questo problema.

Il margine è l'importo con cui viene aumentato il costo iniziale della merce venduta.

Cosa determina il livello del margine commerciale

Molto spesso vediamo una situazione in cui lo stesso prodotto in diversi negozi ha un costo diverso. Il motivo della differenza di prezzo per lo stesso prodotto è il livello del margine di profitto, che viene stabilito dal proprietario dell'outlet. Quando si sviluppano politiche dei prezzi, l'imprenditore deve tenere conto di una serie di criteri. Il livello del mark-up sul prodotto dipende dal numero di concorrenti con un'offerta simile, dalla qualità del prodotto, dalla solvibilità del pubblico di riferimento e dalla consapevolezza del marchio. Va anche detto che lo stato controlla il costo di determinati gruppi di prodotti. Il costo di tali beni non dovrebbe superare lo standard stabilito. Considerato tutto quanto sopra, possiamo concludere che è quasi impossibile determinare il livello ottimale di mark-up.

Oggi la legislazione russa non regola il costo della maggior parte dei prodotti di base. Questo aspetto consente ai proprietari di punti vendita di regolamentare autonomamente i prezzi dei prodotti offerti, guidati da una serie di criteri. Ad esempio, diamo una situazione in cui il venditore ha un prodotto unico in una singola copia. Il costo di questo prodotto non superava i mille rubli. In questo caso, il venditore ha l'opportunità di vendere questo prodotto sia per duemila che per un milione di rubli. Di norma, il livello del markup è strettamente correlato con le restrizioni del mercato. Innanzitutto, non c'è sempre qualcuno che voglia acquistare beni a un prezzo gonfiato. In secondo luogo, ci può essere un'azienda concorrente che offre lo stesso prodotto ad un prezzo migliore.

Qual è il markup per la vendita al dettaglio? Per rispondere a questa domanda possono solo quelle persone che hanno una ricca esperienza pratica in questo campo. Molti imprenditori dicono che il prezzo è una scienza. Oltre ai criteri sopra indicati, dovresti considerare le proposte dei concorrenti. Nel caso in cui il prezzo stabilito superi significativamente i prezzi dei concorrenti, l'imprenditore può perdere i suoi clienti, il che comporterà una diminuzione dei volumi di vendita. È inoltre necessario notare che un basso premio sul valore dei beni riduce l'importo del profitto e può causare l'inutilità delle attività commerciali.

Quali parametri influenzano il profitto nelle attività di trading? Di norma, il livello di reddito è strettamente correlato al volume dei prodotti venduti e al livello di maggiorazione. La presenza di un premio elevato può causare una diminuzione delle vendite. Un basso ricarico influisce negativamente sul reddito di un imprenditore. Per comprendere l'intera profondità dell'influenza di questi fattori, è necessario acquisire familiarità con una serie di criteri da tenere in considerazione nello sviluppo delle politiche di prezzo:

  1. Il livello di competizione nel campo scelto.
  2. La posizione del fornitore e dell'outlet (costi di spedizione).
  3. Il numero di prodotti simili presentati nell'outlet (ad esempio, il numero di diversi tipi di gelati di diversi produttori).
  4. Il livello di presenza dello sbocco.
  5. La prevalenza del marchio.
  6. Destinatari dei consumatori.
L'obiettivo di ogni imprenditore che vuole avere successo e sviluppare costantemente il proprio business è il profitto.

Il ricarico minimo sulle merci per le imposte è calcolato tenendo conto di tale criterio come "punto di pareggio". Diamo un'occhiata a come calcolare il livello di questo premio. Ad esempio, un imprenditore ha acquistato prodotti per un valore di 100 mila rubli. Le vendite stimate di beni sono di un mese. Per calcolare il markup, è necessario prendere in considerazione il costo di affitto dell'area dell'outlet (5.000), la retribuzione dei venditori (25.000) e le spese aggiuntive (10.000). Per ottenere informazioni sul livello minimo di ricarico, è necessario sommare tutte le spese, dopodiché il risultato dell'aggiunta dovrebbe essere moltiplicato per cento. Eseguendo semplici azioni ((5.000+ 25.000 + 10.000) * 100), abbiamo ricevuto un importo pari a 4 milioni di rubli.

Per scoprire il valore del margine minimo sul valore delle merci, è necessario dividere questo risultato per il costo di produzione primario (100 mila rubli). Di conseguenza, otteniamo un valore del quaranta percento. Ciò significa che l'aggiunta di un valore inferiore a questo valore può rendere l'attività non redditizia e un ampio margine di profitto genera entrate. Ma va tenuto presente che con un aumento del fatturato, una spedizione di merci può essere venduta in due settimane. Ciò significa che l'importo della sovrattassa dovrebbe essere dimezzato.

Sulla base di questo esempio, possiamo concludere che un supplemento del trenta per cento può portare un reddito pari a 20.000 rubli e una perdita sotto forma di 10.000 mila. Per ottenere un profitto, un imprenditore dovrà aumentare il margine fino al sessanta per cento, il che accelererà la vendita dei prodotti.

Va inoltre osservato che l'abbassamento del costo delle merci non sempre contribuisce ad aumentare le vendite. Il livello dei margini sui prodotti stagionali richiesti può essere superiore al cinquecento percento. Dopo la fine della stagione, i venditori possono organizzare una vendita "festiva" con uno sconto sul prodotto fino al settanta percento. In questo caso, la vendita di beni porterà profitto, a causa dell'aumento della domanda nei mesi "caldi".

Qual è il margine percentuale per la merce al dettaglio? Al fine di determinare il livello di tolleranza ammissibile per un determinato gruppo di merci, è necessario analizzare in dettaglio un certo numero di parametri. Prima di tutto, dovrai studiare attentamente le caratteristiche dei prodotti offerti. Criteri speciali meritano tale attenzione come la qualità e le proprietà del prodotto, il livello della domanda dei consumatori e il grado di competitività del fornitore. Inoltre, il costo finale include le spese dell'imprenditore stesso. Questo tiene conto del costo del trasporto delle merci, del loro immagazzinamento e della successiva consegna dei prodotti all'acquirente.

L'ultimo componente è l'importo della tassazione. L'inclusione della percentuale dei pagamenti delle imposte sul costo finale dei prodotti di base consente all'imprenditore di evitare costi di produzione che possono causare un'attività non redditizia.

Senza un mark-up corretto su un prodotto, sarà molto difficile ottenere un buon profitto.

Molto spesso, puoi sentire la domanda se il mark-up su tutti i prodotti è equivalente? Per rispondere a questa domanda, dovrebbero essere presi in considerazione diversi esempi. Immagina un punto vendita con una gamma limitata di prodotti. In questo caso, l'imprenditore è in grado di controllare il valore di ciascun articolo. A causa dell'offerta limitata, il venditore è in grado di rispondere in modo tempestivo ai cambiamenti nei gusti dei consumatori. Nel caso di una grande abbondanza di merci, è abbastanza difficile controllare il valore di ciascun articolo. In caso di un cambiamento delle esigenze dei consumatori, sarà necessario sostituire prontamente i cartellini dei prezzi su ogni scaffale.

Oggi ci sono molte diverse applicazioni informatiche, attraverso le quali è possibile ottenere un'analisi della domanda dei consumatori. Nonostante la possibilità di utilizzare apparecchiature specializzate e applicazioni informatiche, la maggior parte degli imprenditori preferisce suddividere la propria gamma di prodotti in diversi gruppi di prodotti. Allo stesso tempo, il livello di maggiorazione per i prodotti a base di carne può differire dal margine superiore per la panificazione e la pasticceria. L'ammontare dell'indennità per uno specifico gruppo di prodotti dipende dal livello della domanda dei consumatori. Al fine di determinare il valore ammissibile di questo valore, un imprenditore deve studiare attentamente la politica dei prezzi dei concorrenti.

Il livello del ricarico su uno specifico gruppo di prodotti può dipendere dal prezzo di acquisto delle merci.

Per prodotti meno costosi, viene stabilito un elevato margine rispetto a beni costosi. Questo metodo consente di aumentare la domanda dei consumatori per prodotti costosi, il che porta ad un aumento del profitto lordo.

Un markup correttamente calcolato offre all'Imprenditore l'opportunità non solo di coprire i costi di creazione di un'impresa, ma anche di ricevere il reddito atteso.

Standard della legislazione attuale

Qual è il markup per un prodotto secondo la legge? Come accennato in precedenza, nell'attuale legislazione non esiste alcuna regolamentazione che disciplini la politica dei prezzi di molti gruppi di prodotti. A causa di questo aspetto, ciascuna entità commerciale ottiene l'opportunità di regolare autonomamente i prezzi stabiliti, guidati dal livello della domanda dei consumatori e da altri parametri. Tuttavia, ci sono un certo numero di beni socialmente significativi, il cui valore è controllato dalle istituzioni pubbliche. Le autorità di controllo stabiliscono l'importo massimo del premio sulle materie prime. Questi gruppi includono:

  • dispositivi medici e prodotti farmaceutici;
  • alimenti per l'infanzia;
  • merci spedite nelle regioni settentrionali;
  • prodotti alimentari forniti alle istituzioni educative.

Il margine massimo sulle merci secondo la legge non deve superare il trenta percento. Questo livello di indennità è fissato per i prodotti essenziali. Questo gruppo comprende prodotti caseari e da forno, prodotti a base di carne e generi alimentari. Anche in questa categoria sono inclusi altri gruppi di prodotti, sulla base dei quali viene formato il costo del paniere del consumatore. Va notato che il premio per i prodotti medici è controllato dal governo della Federazione Russa. Il controllo dei costi dei rimanenti prodotti di base è regolato dalle autorità regionali.

Forum aziendale

Profitto negozio di alimentari. Domanda Vlad.

visego 28 ott 2010

10p e rapidamente diverge. Qual è il tuo profitto su questi prodotti? 10-20% o 50-100%?
Se non è un segreto, ovviamente.

Lumik 28 ottobre 2010

visego 29 ottobre 2010

ZorinA 03 gennaio 2011

Ciao a tutti. Mi chiedevo quale profitto i proprietari dei negozi di generi alimentari mettessero nel prezzo delle merci. Se capisco tutto correttamente, non è più di 10 rubli in media! Come vivi qualcosa? È chiaro che anche durante la costruzione di una casa residenziale, il profitto dello sviluppatore è del 15-20%, ma ci sono quantità completamente diverse.

10p e rapidamente diverge. Qual è il tuo profitto su questi prodotti? 10-20% o 50-100%?
Se non è un segreto, ovviamente.


Su caramelle 125%, dolciumi per bambini fino al 150%, Vino 125%, frutta dal 125 al 150%, birra 120-125%, per tutto il 120%. Bene, le sigarette sono comprensibili al massimo al 110%

Luckygerl 03 gen 2011

AntonAnton1 10 gen 2011

bantik, 15 gennaio 2011

Su caramelle 125%, dolciumi per bambini fino al 150%, Vino 125%, frutta dal 125 al 150%, birra 120-125%, per tutto il 120%. Bene, le sigarette sono comprensibili al massimo al 110%

Siamo spiacenti, il margine del 125% è un acquisto + 125% o un acquisto * 125%

bantik, 15 gennaio 2011

Su caramelle 125%, dolciumi per bambini fino al 150%, Vino 125%, frutta dal 125 al 150%, birra 120-125%, per tutto il 120%. Bene, le sigarette sono comprensibili al massimo al 110%

Siamo spiacenti, il margine del 125% è un acquisto + 125% o un acquisto * 125%

prylavka 16 gen 2011

Siamo spiacenti, il margine del 125% è un acquisto + 125% o un acquisto * 125%

Penso che comprando * per l'intera faccenda))) se +, poi dimmi dove puoi lavorare con un mark-up così fantastico sul cibo, mi sposterò lì)

ZorinA 16 gen 2011

Penso che comprando * per l'intera faccenda))) se +, poi dimmi dove puoi lavorare con un mark-up così fantastico sul cibo, mi sposterò lì)


Prezzo d'acquisto - 100%
Prezzo al dettaglio --- 125%

AndreyZh, 16 gennaio 2011

bantik, 18 gennaio 2011

Buongiorno

E qual è l'area di questo negozio?

ZorinA 18 gen 2011

Buongiorno


La quantità di reddito è l'importo delle entrate annuali?

AndreyZh 18 gen 2011

La quantità di reddito è l'importo delle entrate annuali?

Il reddito è uguale all'importo delle entrate - le vendite nei prezzi di acquisto. Inoltre riflette la sovrattassa, t.ch. Se lo desideri, puoi calcolare le entrate.

invertitore, 19 gennaio 2011

AndreyZh, 19 gennaio 2011

Si scopre che la maggior parte della birra è rappresentata. Horror: shock: in uno scenario del genere, presto tutti bevranno.

Buona sera!

ElenaIvanchenko 21 gen 2011

llcool 20 luglio 2011

Nastya83 29 lug 2011

KolonkA 01 ago 2011

così viviamo!
Riesco a guadagnare 10.000 rubli al giorno per pagare tutti + 2 crediti e vivere con 2 famiglie, e se tutto è calcolato come dovremmo essere in profondità, allora ci dovrebbe essere lì, qui e così, pagheremo un premio del 100% e vorrei tutti in diamanti è andato!


Sì, cibo, c'è cibo, da nessuna parte senza di esso)

Guest_swirid57_ * 13 agosto 2011

Il reddito è uguale all'importo delle entrate - le vendite nei prezzi di acquisto. Inoltre riflette la sovrattassa, t.ch. Se lo desideri, puoi calcolare le entrate.

L'utile netto del negozio di alimentari è del 5%

Santey 05 set 2011

L'utile netto del negozio di alimentari è del 5%

Che non è abbastanza, circa 30.000 al mese. O lo penso?

RUSM095 05 ott 2011

Circa il profitto medio da una unità di beni a 10 rubli in qualche modo non ha capito. Un amico ha una valutazione media al supermercato - 25%, per pane e latte - 10-12%, per il resto 30 e oltre. Non so di queste banalità, ma penso che ci sia un certo margine per il chewing-gum, così come le sigarette, la birra, le bevande, dato che i commercianti ti hanno fornito frigoriferi o scaffali per loro, limitando invece il tuo profitto.

RUSM095 05 ott 2011

L'utile netto del negozio di alimentari è del 5%

Ciao a tutti. Mi chiedevo quale profitto i proprietari dei negozi di generi alimentari mettessero nel prezzo delle merci. Se capisco tutto correttamente, non è più di 10 rubli in media! Come vivi qualcosa? È chiaro che anche durante la costruzione di una casa residenziale, il profitto dello sviluppatore è del 15-20%, ma ci sono quantità completamente diverse.

10p e rapidamente diverge. Qual è il tuo profitto su questi prodotti? 10-20% o 50-100%?
Se non è un segreto, ovviamente.

Per mangiare venduto: il margine sui prodotti più necessari raggiunge il 50%

Un imbroglio su abbigliamento e alcol può superare il 300%

12.02.2017 alle 15:27, visualizzazioni: 54361

I prezzi stanno inesorabilmente aumentando ei redditi della popolazione non sono molto alti: ora solo per un pasto metà dello stipendio va, come hanno calcolato i sociologi. Sì, e non ti concedi particolarmente l'aggiornamento del tuo guardaroba durante una crisi: devi aspettare le vendite, altrimenti non puoi permetterti vestiti. L'alcol e il più costoso, in modo che anche bere con il dolore è costoso. Ma i nostri portafogli vengono svuotati chiaramente a favore di qualcuno: i produttori e i negozi saldano un enorme profitto sulla confezione di merci che aumentano il loro valore reale di 2-3 volte. "MK" ha cercato di capire come il commercio è redditizio per gli acquirenti.

La catena di distribuzione di ciascuno dei nostri acquisti è la seguente: produttore - distributore - vendita al dettaglio. Naturalmente, tutti i partecipanti a questo schema si sforzano di guadagnare di più, quindi in ogni fase il costo iniziale del prodotto aumenta notevolmente. Il prezzo di costo si compone di due componenti: il costo delle materie prime e il costo di produzione (salari del personale, elettricità, manutenzione delle attrezzature). Inoltre, il produttore paga le tasse e le accise e quindi vende i beni a un intermediario all'ingrosso o immediatamente al dettaglio al prezzo di vendita, avendo ipotecato il suo interesse in esso. Come spiegano gli esperti, le vendite al dettaglio stanno ora dominando il mercato delle vendite al dettaglio: grandi catene di vendita al dettaglio, acquistate direttamente dal produttore, per non pagare più del dovuto per i servizi dei grossisti e quindi mantenere prezzi relativamente bassi a causa dei grandi volumi di fatturato. E i piccoli negozi continuano ad essere acquistati presso basi all'ingrosso o da intermediari, quindi in essi il costo delle merci è spesso più alto. Allo stesso tempo, di vendita al dettaglio non si limita al l'involucro dei prezzi, tranne che... no, no la coscienza, e la concorrenza: se non si compra, quindi meno costosi in un negozio vicino. Se un altro negozio è troppo lontano o chiude presto, qui commercianti tutte le carte in mano: mentre non v'è domanda, i prezzi possono essere assegnati più "mordere". Abbiamo confrontato i prezzi in diversi negozi e abbiamo riscontrato che il costo di esattamente gli stessi prodotti può differire del 20-30%, che va nella tasca della vendita al dettaglio.

Caos alimentare

Secondo le dure leggi del commercio, l'aumento di prezzo più rapido avviene sempre sui prodotti alimentari - una persona non può fare a meno di loro e comprerà in qualsiasi circostanza. Pertanto, in un mercato libero, produttori e negozi possono speculare sul prezzo dei prodotti come vogliono. "Ora i prezzi non sono limitati allo stato, come in epoca sovietica, ma l'offerta non è limitata. Pertanto, ora il principale difensore dei consumatori è la concorrenza. Se non ti piace il prezzo in un negozio, andiamo a un altro. Fortunatamente, in città ci sono negozi ad ogni turno e grandi ipermercati nell'accessibilità dei trasporti. Tuttavia, nell'unica e unica vendita all'intero villaggio, il cheating potrebbe essere del 100-200% ", ha detto Petr Sclitc, presidente dell'Unione dei consumatori della Russia, ha detto a MK.

Ma la concorrenza è efficace nella lotta per prezzi accessibili per i consumatori? Per la purezza dell'esperimento, abbiamo visitato tre negozi metropolitani accessibili a un residente di un quarto: la rete di vendita del segmento inferiore del formato "a casa", il negozio online "Prodotti 24" vicino alla fermata dell'autobus, dove c'è molto traffico di persone e uno dei più grandi ipermercati smettere di guidare l'autobus gratuito Abbiamo anche esaminato il listino prezzi di una delle più grandi basi all'ingrosso di Mosca - un fornitore di vendita al dettaglio non di rete.

Come si può vedere dal tavolo, anche nei negozi più vicini gli uni agli altri, i prezzi possono differire in modo significativo e la differenza totale nel costo del set di prodotti in questione è di circa 300 rubli - e questa è la concorrenza. Ma qui devi scegliere: correre per il negozio lungo la strada, ma pagare più del dovuto, difendere una lunga fila in una rete di vendita a basso prezzo, ma risparmiare denaro, o trascorrere diverse ore andando all'ipermercato alla ricerca degli stessi risparmi.

Tuttavia, anche i prezzi più bassi in un punto vendita sono molto più alti del costo a cui i prodotti vengono distribuiti dalle imprese: questa è la differenza che il retail guadagna il suo "bel soldo". Il rapporto "Come sono formati i prezzi e la qualità dei prodotti alimentari (visione dei consumatori)", elaborato dall'Unione dei consumatori della Russia, contiene dati sulla quota dei costi di produzione, i margini degli intermediari e gli utili del rivenditore sul prezzo finale dei diversi prodotti. Pertanto, il costo del pane è pari al 37% del prezzo, latte - 27%, pesce surgelato - 24%, olio di girasole e prodotti a base di carne - non più del 10%. Gli intermediari aggiungono al prezzo della farina, da cui viene prodotto il pane, un altro 25-30%, olio di semi di girasole - 27%, pesce - 20-23%, pasta - 19%, zucchero - 16%. Infine, il negozio fa un sovrapprezzo dal 20 al 50% e dalla vendita di pasta ottiene il 9% di profitto netto, pesce - 7-10%, latte, olio di semi di girasole, uova, zucchero, farina - circa il 6%. Si noti che tutte queste cifre sono rilevanti per i prodotti di produzione nazionale che non sono importati in Russia.

Le dimensioni della maggiorazione del dettaglio dipendono dalla categoria di prodotti e dalle caratteristiche di produzione specifiche del settore, afferma il direttore di Rusprodsoyuz, Dmitry Vostrikov. Ad esempio, il ricarico di farina nella vendita al dettaglio è superiore al 50%: questo è uno dei più grandi indicatori tra i prodotti. "La capacità produttiva delle imprese produttrici di farina è doppia rispetto alla domanda e, a causa della forte concorrenza, le imprese stanno lavorando sull'orlo della redditività, con un profitto dell'1-4%. La redditività della produzione di carne di pollo è leggermente superiore e il prezzo è più accessibile per la popolazione. Ciò è dovuto al fatto che l'uccello guadagna peso commerciale in 2-3 mesi di ingrasso e il suo costo è molto inferiore a quello di maiale, agnello e manzo ", ha affermato l'esperto.

Il costo del prodotto dipende dai prezzi delle materie prime, dalla profondità della lavorazione dei prodotti, dall'imballaggio e dall'organizzazione dei processi aziendali, dal carico di lavoro di produzione, sottolinea il responsabile di Rusprodsoyuz. Secondo lui, il vero potere d'acquisto della popolazione e la concorrenza nella categoria influenzano anche il prezzo di vendita e la redditività.

Se presentiamo questi valori in termini monetari, utilizzando l'esempio di un pollo ad un prezzo medio di 133 rubli per chilogrammo, la struttura del prezzo al dettaglio sarà simile a questa: prezzo di costo: 87,5 rubli, margine di profitto del produttore - 10 rubli, tasse - 8 rubli e maggiorazione al dettaglio - 27,5 rublo.

Certo, puoi porci una domanda retorica: non è una vergogna per i produttori, gli intermediari, la vendita al dettaglio e lo stato con le sue tasse suscitare molto interesse da parte dei cittadini al di sopra del prezzo di costo? Ma in realtà, si scopre che un'impressionante imbroglio corre nella somma dei margini di ogni partecipante nella catena di distribuzione. Anche il difensore dei consumatori Peter Shchelischy non ha alcuna fretta di incolpare l'industria alimentare di eccessiva avidità. "Contrariamente agli stereotipi dell'industria alimentare, una delle industrie marginali più basse, in cui i produttori hanno una maggiore redditività rispetto al dettaglio, il 6-7% dell'utile netto delle imprese rispetto al 3% circa degli scambi. Tuttavia, la vendita al dettaglio non è affatto angosciante: a spese del fatturato, gli importi dell'utile netto risultano considerevoli ", ha concluso l'esperto.

Le accise sono più costose della vodka

Nel 2016, 1,3 miliardi di rubli sono stati ricevuti dalle accise nel bilancio russo - una cifra enorme, considerando che questi fondi sono stati effettivamente ritirati dalle tasche dei consumatori. L'accisa è una tassa indiretta che i produttori di beni di consumo (alcol, tabacco, benzina) pagano nella vendita e, di conseguenza, nel prezzo al dettaglio delle merci. Le accise sono un'importante fonte di reddito per il Tesoro federale, è solo per questo che i beni tassabili sono molto costosi: a volte l'imposta è tre volte superiore al costo del prodotto. Un esempio di prezzi "ingiusti" è la vodka.

Secondo Rosstat, il prezzo medio per una bottiglia da 0,5 litri di vodka in Russia è di 280 rubli. La sua produzione richiede 48 rubli - questo è il prezzo di costo, che include il costo delle materie prime, l'imballaggio e altre spese, compresa la pubblicità. Inoltre, il produttore fa il suo margine di profitto - circa 11 rubli. Quando una bottiglia viene venduta al dettaglio, il suo prezzo aumenta in media di 89 rubli. Il restante 132 rubli è l'accisa imposta dallo stato, quasi uguale al costo e al mark-up del magazzino messi insieme. Quindi, paghiamo più del dovuto 5 volte per la bevanda tradizionale russa, se partiamo dal prezzo di costo.

È curioso che la gamma di prezzi per la vodka nei negozi russi sia molto ampia, nonostante il fatto che dal 2010 il governo abbia fissato un prezzo minimo per questo alcol - 190 rubli per mezzo litro al fine di combattere i prodotti illegali. Tuttavia, si può vedere la vodka per 191 rubli nelle catene di vendita al dettaglio, mentre una bella bottiglia con esattamente lo stesso "contenuto", ma per 500 rubli, starà un po 'oltre. Nonostante le allettanti iscrizioni sull'etichetta della vodka costosa della serie "made by deep cleaning" o "fatta di acqua di fusione dalla cima dell'Everest", è prodotta con la stessa materia prima (alcol) a basso prezzo ed è soggetta alla stessa accisa, ha spiegato il direttore Centro per lo studio dei mercati federali e regionali dell'alcool (CIFRRA) Vadim Drobiz, che spiega la differenza di prezzo. "Al momento dell'acquisto di un prodotto premium per 300 rubli e oltre, i consumatori pagano per l'immagine e l'autostima. Non ci sarà direttore della compagnia sul SUV per bere la vodka più economica! In una certa misura, il prezzo elevato di un prodotto costoso sovvenziona il basso costo della sua controparte economica. Allo stesso tempo, il costo principale della vodka premium è più alto, ma non a scapito delle materie prime, ma a spese di pubblicità, imballaggio e spese di marketing - tutto ciò che costringe il consumatore ad acquistare questo prodotto per grandi somme ", ritiene l'esperto.

Marchio costoso

Secondo gli esperti del settore, l'industria della moda è considerata l'industria più redditizia. Nei negozi di abbigliamento e calzature, il margine sulle merci può superare il loro prezzo di vendita di 10-20 volte, e questo è tutto perché siamo pronti a pagare più del dovuto per il marchio. La rivista Business Insider ha condotto uno studio in cui sono stati rivelati 37 prodotti con il punteggio più alto. Si è scoperto che l'elenco includeva principalmente articoli per il guardaroba. Ad esempio, gli occhiali da sole di marca sono all'avanguardia in termini di margini, più il 1329%. Il 1100% in più rispetto al costo della vendita di lingerie, ei jeans sugli scaffali sono più costosi del 650%.

Allo stesso tempo, nel mercato russo, vestiti e scarpe sono rappresentati per l'85% da merci importate. Vengono nei nostri negozi principalmente dal sud-est asiatico, rompendo abitudini e lunghe distanze. Ma la logistica e lo "sdoganamento" sono le due principali voci di spesa nella formazione del prezzo al dettaglio per tutte le merci importate: in media, il pagamento di dazi, tasse e consegna richiede dal 40 al 55% del costo originale delle merci. Pertanto, molte mod avanzate preferiscono acquistare all'estero: la differenza di prezzo per la stessa cosa nella collezione di un marchio globale può essere del 30-50%. E grazie al sistema esentasse, puoi anche restituire parzialmente l'imposta sul valore aggiunto che i residenti del paese pagano, e gli stranieri non sono tenuti a farlo.

Allo stesso tempo, sulla scia della sostituzione delle importazioni e della caduta del rublo negli ultimi due anni, alcuni marchi globali hanno aperto la loro produzione in Russia. Come il direttore esecutivo di Soyuzlegprom, Igor Ulyanov, ha detto a MK, è diventato più redditizio per molte aziende cucire in Russia che in Cina. "Negli ultimi anni, il livello delle retribuzioni in Cina è aumentato: lì una sarta riceve circa $ 500 al mese e la sua controparte russa - 12 mila rubli, cioè circa $ 200. Ridurre il costo dei salari influisce sul costo delle merci verso il basso, ma il prezzo finale è formato dai marchi in base alle loro politiche di markup ", ha affermato un rappresentante del settore. Per quanto riguarda i vestiti e le calzature fabbricati in Russia, ora molte imprese lavorano con una resa non superiore al 3-5%, ha osservato. Allo stesso tempo, la vendita al dettaglio di vestiti "made in Russia" guadagna molto più dei produttori, a differenza dell'industria alimentare. "I negozi registrano un profitto netto di almeno il 20-30%, e anche questo sembra loro un po ', perché negli" anni grassi "la redditività dell'attività di vendita di vestiti e scarpe è stata del 100-200%", ha aggiunto l'esperto.

Perché paghiamo più del dovuto, come ha dimostrato lo studio "MK", ​​due, tre o più volte anche per i beni più comuni? Le leggi del libero mercato dettano le loro regole di commercio e non sono sempre a favore del consumatore. Una volta che c'è una domanda, i venditori non abbasseranno i prezzi. Allo stesso tempo, la situazione nel mercato russo è aggravata da specifiche nazionali: lunghe distanze e logistica complessa, oltre a tasse ingannevoli e intricate. Tutte queste disgrazie sono anche spostate sulle spalle del consumatore. Non è necessario aspettarsi che lo stato imporrà l'ordine nei prezzi in qualche modo amministrativo. Quindi, tutti sperano nello sviluppo della competizione. Ma il precedente quarto di secolo di costruzione di un'economia di mercato nel nostro paese non ha chiaramente giustificato questa speranza.

Top