logo

Le persone più ricche del mondo preferiscono banche svizzere stabili e affidabili. Anche gli evasori fiscali. Perché, oltre a un solido sistema finanziario come i muri delle casseforti, i risparmi in Svizzera sono protetti dal segreto bancario. Tuttavia, sembra presto che finisca.

Sul treno per Ginevra, ci sono poche persone. Fuori dalla finestra si intravedono laghi e montagne tranquilli. Lungo la strada - case pulite, vicino alle quali non sono parcheggiate le auto più costose. E non puoi dire che persone molto benestanti vivono qui.

- Vedi un vecchio con un giornale? - Il mio compagno di viaggio, la francese Juliette, annuisce in direzione del passeggero con un maglione grigio. - Non essere sorpreso se ha una somma di sei cifre nella sua banca. Gli svizzeri non hanno mai mostrato la loro ricchezza. Qui puoi comunicare con una persona che guida un'auto semplice e indossa abiti poco costosi. E non sospettare nemmeno che sia molto ricco. Per tre anni in Svizzera, non ero abituato al segreto della gente del posto. I miei parenti svizzeri hanno apertamente diversi account. E non sanno quanto qualcuno abbia dei risparmi, mantengono tutto segreto l'uno dall'altro.

"Gli svizzeri, a differenza dei russi, non hanno familiarità con il concetto di collettivizzazione.
Ogni contadino è stato lasciato a se stesso. "

luogo appartato

Il denaro ama il silenzio, secondo gli svizzeri. Le poche persone che conoscono la tua ricchezza, la vita più tranquilla e più pacifica del tuo paese.

- Anche nelle famiglie più povere, i genitori insegnano ai loro figli a tenere la bocca chiusa, così che non diranno a nessuno quanto ricevono madri e padri. E non aspettarti di scoprire le entrate degli svizzeri, - dice Rudolf Zotermeister, 69 anni, di Zurigo, un leader sindacale che ha collaborato con banche, compagnie aeree e aziende IT. - Molte aziende svizzere negoziano personalmente gli stipendi con i dipendenti, vietando la divulgazione di importi. Il management ha paura di provocare conflitti a causa dei diversi livelli di reddito. Se vuoi ottenere qualche informazione finanziaria da uno svizzero, anche se gli regali una casa, non sarà di aiuto. È impossibile corromperci.

La relazione del banchiere con il cliente assomiglia al rapporto del medico con il paziente. Tutto ciò che viene discusso all'interno delle mura della banca rimane lì.

"Molte banche svizzere sembrano musei o palazzi privati", continua il signor Zotermeister. - Quando ti trovi dentro, ti sembra di essere in un club chiuso. Sono stato particolarmente colpito dalla banca, che per diversi secoli apparteneva alla stessa famiglia. L'edificio assomigliava a una proprietà ancestrale, ma non a un'istituzione finanziaria. All'interno, tutte le pareti erano appese con i ritratti dei precedenti proprietari. Nell'ufficio c'erano mobili antichi. E il personale sembrava agenti segreti - sempre in tailleur rigorosi, con cravatte strettamente annodate, anche con tempo caldo. Tutto è fatto in modo che tu senta la sicurezza dei segreti.

La riservatezza è qualcosa che i banchieri svizzeri sono stati famosi fin dal 16 ° secolo, dall'apparizione delle prime banche private nel paese. Quindi l'Europa fu presa dalle guerre religiose. In fuga dalla repressione, i protestanti francesi (ugonotti) si rifugiarono in Svizzera, dove si impegnarono con successo nel settore bancario. Da qui hanno dato prestiti al governo francese. E sicché nessuno sospettava che il re cattolico fosse associato ai protestanti, lo fecero in segreto.

Il concetto di segreto bancario apparve per la prima volta nel 1713, quando il Consiglio di Ginevra emanò un decreto che proibiva ai banchieri di divulgare informazioni sui clienti senza il permesso delle autorità.

Segreto da tutto il mondo

Durante la seconda guerra mondiale, i nazisti e gli ebrei nascosero la loro ricchezza nelle cellule bancarie svizzere. I banchieri non hanno fatto alcuna differenza con chi lavorare, loro, come il governo, erano neutrali.

Tuttavia, gli stati confinanti erano contrari ai loro cittadini per mantenere i loro risparmi all'estero. Nel 1934, il governo nazista uccise tre tedeschi, avendo appreso che il loro denaro era nelle banche svizzere. Due anni prima in Francia, durante una perquisizione nell'appartamento parigino del capo di una delle banche di Basilea, trovarono più di un migliaio di elenchi dei suoi clienti francesi: senatori, generali, ecclesiastici, industriali. Scoppiò uno scandalo internazionale.

Per preservare gli affari nazionali, la reputazione e allo stesso tempo i clienti, il governo svizzero ha sancito giuridicamente il principio del segreto bancario. Ciò accadde nel 1934, quando fu approvata la legge sulle banche, che dichiarò la riservatezza come il dovere professionale di un banchiere, e la sua violazione fu un reato penale.

"Il nostro paese era al centro di tutti i principali conflitti europei, dalla guerra franco-prussiana del 1870 fino alla Guerra Fredda, ma non ne ha preso parte", ha detto Robert Vogler, ex analista politico presso la più grande banca svizzera UBS (Union Bank of Svizzera). - Mentre gli stati confinanti stavano vivendo momenti difficili, la nostra economia si è sviluppata e il franco è rimasto stabile. È stato molto più sicuro conservare i tuoi beni in Svizzera che in altri paesi europei. Inoltre, il franco svizzero, insieme al dollaro e all'escudo portoghese, era una delle poche valute liberamente convertibili durante la seconda guerra mondiale. La maggior parte delle valute europee è diventata così solo dopo il 1958. Tutti questi fattori, e in particolare il principio del segreto bancario, hanno reso la Svizzera un rifugio sicuro.

Storia: bancaria

Si ritiene che i primi usurai siano comparsi intorno al 2000 aC. e. in Mesopotamia. Hanno emesso prestiti sulla sicurezza del grano. Nell'antica Grecia, i prestiti fornivano i templi, che servivano come primi fondi di riserva. Nell'antica Roma, i mensari (mensarii) - quelli che commerciavano monete - e gli argentini (argentarii) - quelli che emettevano prestiti ed erano impegnati in trasferimenti di denaro tra le città.

Nel Medioevo, il termine "banca" sorse, fu derivato dalla parola italiana banca - la tabella in cui i cambiavalute usati per disporre le monete fu chiamata così. Nel XV secolo comparvero montes pietatis in Italia: banche che raccoglievano donazioni e concedevano piccoli prestiti a chi era nel bisogno. La prima banca statale al mondo, il Banco di San Giorgio, fu fondata nel 1407 a Genova. Nel XV secolo, le prime banche commerciali apparvero in Europa. Tra le banche più antiche ancora esistenti troviamo il Siena Monte dei Paschi di Siena (1472), la tedesca Berenberg Bank (1590), la svedese Sveriges Riksbank (1668, la più antica delle attuali banche centrali del mondo), l'inglese C. Hoare Co (1672) e Barclays Bank (1690).

In Svizzera, le prime banche si aprirono nel XVI secolo: nel 1504 - a Basilea, nel 1568 - a Ginevra. Nel XX secolo, la Svizzera divenne il centro finanziario globale.

Tempesta nel porto

Oggi la Svizzera rimane uno dei centri di gravità del capitale mondiale. Detiene oltre un quarto delle risorse che le persone facoltose nascondono al di fuori dei loro paesi. Non dà riposo alle autorità dell'Unione europea e degli Stati Uniti. Il governo degli Stati Uniti ha ripetutamente accusato la Svizzera di aiutare i suoi cittadini a nascondere ingenti somme di denaro dai servizi fiscali: 1,5 trilioni di dollari sono presumibilmente tenuti in conti bancari chiusi. Sotto la pressione delle autorità fiscali statunitensi nel 2010, UBS Bank ha trasferito i dati a 4.450 account di cittadini americani. In totale 85 banche svizzere hanno dovuto pagare $ 5,5 miliardi di multe e risarcimenti. E in seguito, sotto la pressione dell'Unione europea, la Svizzera ha fatto concessioni e, insieme a UE, Australia, Canada, Giappone, Islanda, Norvegia e altri, è diventata parte dell'accordo dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sullo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari. Nel 2018, l'accordo entrerà in vigore e, come molti prevedono, metterà fine al segreto bancario.

- Smette di essere assoluto. Oltre ai paesi con i quali la Svizzera ha firmato l'accordo, ci sono quelli con cui non esiste tale accordo ", spiega Peter Steiner, che gestisce le attività di una delle società di investimento svizzere. - E per gli stessi svizzeri nulla cambierà. Le autorità fiscali del nostro paese non possono ottenere informazioni finanziarie su un cliente da una banca. Perché ognuno di noi ha il diritto alla privacy.

Quattro livelli di protezione

Gli svizzeri, come nessuno, apprezzano lo spazio personale. Non si attaccano l'un l'altro con domande e non si affrettano ad aprirsi.

- La Svizzera è un paese di solitudine. Siamo sempre stati isolati dal mondo circostante da montagne e laghi. "Ci hanno protetto dagli elementi e dalle invasioni", afferma Peter Steiner. - Non eravamo governati da imperatori o re, non abbiamo mai avuto nobiltà, nessuno ci ha detto cosa fare. Da qui il nostro individualismo. Gli svizzeri, a differenza dei russi, non hanno familiarità con il concetto di collettivizzazione. Ogni contadino era lasciato a se stesso. Visse sulla sua collina, coltivò un giardino, custodì le sue proprietà lì. Questa sensazione di indipendenza e solitudine è nel sangue di ogni svizzero. Pertanto, è così importante per noi avere il nostro spazio, che siamo pronti a proteggere.

Spazio e autonomia separati: ecco come funziona la moderna Svizzera. È composto da 26 cantoni, federati. Queste entità democratiche si sono sviluppate indipendentemente l'una dall'altra, ogni cantone ha risolto autonomamente i propri problemi. E oggi vivono in isolamento, ognuno con una propria costituzione e leggi che proteggono lo spazio privato dei cittadini. E i loro soldi provengono principalmente dallo stato. In tutti i cantoni ci sono aliquote fiscali diverse, che sono stabilite dal voto dei residenti locali.

"Puoi registrare dove la tassa è più bassa", afferma Christian Schicker, un programmatore di 27 anni di Berna. "Lavoro a Berna, ma sono registrato nel vicino cantone del Vallese, dove sono nato." Ci sono tasse molto più basse. Poiché la tassa è presa nel luogo di registrazione, ciò mi consente di risparmiare per l'anno un importo pari alla metà dello stipendio mensile. Ma devo confermare ogni anno che vivo in Vallese e lavoro solo a Berna.

Secondo la legge svizzera, l'evasione fiscale è una violazione amministrativa. Quindi, non fornisce motivi per divulgare il segreto bancario.

"La nostra gente è protetta su tre livelli: la comunità, il cantone e la Confederazione", afferma Peter Steiner. - La comunità protegge la persona di fronte al cantone e al cantone, di fronte alla Confederazione. Ma c'è anche un quarto livello: una banca che protegge lo spazio personale di una persona dallo stato stesso. Svizzero in banca fuori portata. Nella sua cella, può memorizzare qualsiasi cosa. E nessuno saprà del suo contenuto. Abbiamo meritato questa fiducia, perché sappiamo come godere della nostra libertà.

Prendi un numero: riduci il punteggio

$ 2,4 trilioni di fondi esteri in conti svizzeri. La Svizzera rappresenta il 25% del mercato totale della gestione patrimoniale straniera. Per fare un confronto: a Singapore si nascondono 1,2 trilioni di dollari, a Hong Kong - 800 miliardi (dati per il 2016).

Tre grandi banche svizzere per patrimonio (1 CHF = $ 1,03, dati per il 2016)

1. UBS GROUP AG - CHF 989,4 miliardi

2. GRUPPO CREDIT SUISSE - 821,16 miliardi di CHF

3. RAIFFEISEN SVIZZERA - 213,54 miliardi di franchi

153 miliardi di CHF - volume giornaliero di transazioni in contanti nel sistema bancario svizzero

261 è il numero di banche in Svizzera. Per confronto: 530 - il numero di banche in Russia

659,4 miliardi di dollari - PIL della Svizzera (19 ° posto nel mondo)

78.245,5 dollari - PIL pro capite (2 ° posto nel mondo)

La pena massima che rischia di divulgare informazioni finanziarie in Svizzera è di tre anni di carcere per intenzionale e una multa di 250 mila franchi svizzeri per caso.

Foto: SPL / LEGION-MEDIA, REUTERS / PIXSTREAM (X6), MAX SCHMID / TURISMO SVIZZERA

Segreto bancario in Svizzera

Il segreto bancario svizzero garantisce la riservatezza delle informazioni sui depositi presso le banche svizzere da oltre 300 anni.

I banchieri di Ginevra erano i banchieri di corte dei re francesi, e le prime informazioni scritte sul segreto bancario risalgono al 1713. Fino al 1934, le disposizioni sul segreto bancario erano contenute nei codici civile e del lavoro della Svizzera. I tribunali federali li hanno consacrati nelle pratiche di applicazione della legge - da ora in poi un cliente che ha sofferto della divulgazione del segreto bancario, potrebbe successivamente recuperare i danni dalla banca. La legge federale "On Banking", adottata nel 1934, affermava chiaramente che il segreto bancario è un concetto di diritto penale. Da questo momento in poi, il banchiere potrebbe essere punito con la reclusione per aver divulgato il segreto bancario, che ha ulteriormente rafforzato i diritti del depositante sulla riservatezza delle informazioni trasmessegli.

A partire dal 1 ° gennaio 2005 entrano in vigore le disposizioni della direttiva dell'Unione europea che disciplina lo scambio di informazioni sugli investimenti a fini fiscali, che, secondo i suoi creatori, rivelerà molti segreti bancari. Ma ciò non influirà sulla più famosa roccaforte del segreto bancario: la Svizzera, che non è membro dell'UE.

La Svizzera, situata nel cuore dell'Europa, che detiene 1/3 del capitale privato mondiale, continua a proteggere attentamente la segretezza dei depositi bancari, nonostante le pressioni dell'Unione europea.

Ovviamente, il segreto bancario in Svizzera non è assoluto. La legge svizzera specifica in dettaglio la situazione in cui il segreto bancario può essere parzialmente divulgato.

Nelle indagini penali, un atto commesso da un criminale deve essere criminalizzato secondo le leggi della Svizzera. Quest'ultima circostanza è essenziale per mantenere il segreto bancario, dal momento che le violazioni fiscali sono legate a reati minori in Svizzera e non sono criminalizzate. In Svizzera, l'evasione fiscale non è una base giuridica sufficiente per divulgare informazioni che costituiscono il segreto bancario. Se viene commessa una frode fiscale, viene avviata una causa penale in relazione alla quale il segreto bancario può essere divulgato. La Svizzera si rifiuta di collaborare con i tribunali per quanto riguarda i casi di evasione fiscale.

Oggi la legislazione bancaria svizzera soddisfa i più elevati standard internazionali nel campo della lotta al crimine organizzato e della lotta al riciclaggio di denaro "sporco". Tuttavia, questo risultato è stato raggiunto senza compromettere la riservatezza dei conti dei clienti rispettosi della legge. Nel mondo finanziario, la Svizzera ha occupato una nicchia unica nella fornitura di servizi bancari privati, dove altri centri finanziari non possono competere con essa. Le pressioni da parte dell'UE e degli Stati Uniti, le loro richieste di divulgare informazioni sui depositanti, sono un tentativo sul principio fondamentale del sistema bancario svizzero (riservatezza dei depositi bancari) e possono essere violati, i banchieri svizzeri non riescono neppure a concepire. Rispettano lo stato di diritto, ma non rinunciano a pratiche bancarie e fiscali sostenibili e autosufficienti.

Negli ultimi 10-20 anni, molto è cambiato. In effetti, il segreto bancario svizzero ha consentito un altissimo grado di flessibilità. Ad esempio, è stato possibile aprire un account senza dare un nome o un cognome, senza fornire alcuna informazione di sorta. E per molto tempo tutti stavano bene.

Ma circa 20 anni fa c'erano dei dubbi. E i cambiamenti iniziarono. C'erano un totale di tre fasi. All'inizio, le banche mantenevano segreti e non pensavano all'origine del denaro, né ai clienti stessi. Al secondo si interessarono a questi temi, al terzo - a prendersi la responsabilità.

Negli anni '90. un sistema molto severo di controllo della legalità delle operazioni bancarie è stato creato nelle banche svizzere, che può essere espresso in tre regole: KYC, KYT, KYP.

Queste sono abbreviazioni inglesi. KYC (Conosci il tuo cliente - Conosci il tuo cliente) significa che devi studiare attentamente la tua clientela. KYT (Know Your Transaction) significa che è necessario essere costantemente a conoscenza di tutte le ricevute e pagamenti. KYP (Know Your Process Know Your Process) è un requisito più complesso. Qui è necessario che sia la banca che il suo sistema informatico siano ben consci del solito lavoro di routine e su questo sfondo potrebbero rivelarsi operazioni insolite e discutibili.

I segreti bancari in Svizzera sono spariti.

La procedura per fornire alla Svizzera informazioni sui conti aperti dagli stranieri e gli importi su di essi è stata semplificata.

Un tempo la Svizzera era considerata un'isola di stabilità finanziaria e non forniva informazioni a nessuno, per nessuna ragione. Come, è contrario alla legge svizzera.

Poi le autorità statunitensi hanno "rotto" gli svizzeri e hanno iniziato a fornire informazioni, ma in conformità con una certa procedura molto complicata.

Ora tutto è più facile. Informazioni sulla presenza di conti stranieri in Svizzera e saldi su di essi saranno resi noti alle autorità, con semplice richiesta scritta. Né abbiamo bisogno di una decisione del tribunale sulla fornitura di tali informazioni, né la prova complessa del coinvolgimento di un cittadino in questo o quel crimine finanziario. Semplicemente: richiesta-risposta.

Quindi il segreto bancario in Svizzera è finalmente un ricordo del passato e la probabilità di rivelare informazioni sul denaro nei loro conti è pressoché uguale a quella di qualsiasi altro posto in Pakistan. Ma no, in Pakistan, forse, la probabilità di mantenere il segreto sui soldi è più alta...

I segreti bancari resteranno segreti?

  • Remezova S. | Responsabile del dipartimento di consulenza legale e bancaria, HONEST Compagnia luminosa

B ankovsky secret: un'istituzione di diritto civile che protegge i segreti degli istituti di credito, i segreti personali dei depositanti; informazioni non divulgate sullo stato dei conti dei clienti e sulle operazioni effettuate dalle banche; una specie di segreto commerciale.

Le informazioni che costituiscono il segreto bancario possono essere fornite solo ai clienti stessi o ai loro rappresentanti autorizzati. Tali informazioni possono essere fornite agli enti statali e ai loro funzionari esclusivamente nei casi e con le modalità previste dalla legge. Nel caso in cui una banca divulghi informazioni che costituiscono il segreto bancario, il cliente, i cui diritti sono stati violati, ha il diritto di chiedere un risarcimento alla banca per le perdite causate.

Le direttive UE progettate per combattere il riciclaggio di denaro hanno notevolmente modernizzato il concetto di "segreto bancario". Secondo gli sviluppatori di queste direttive, le informazioni sugli investitori dovrebbero essere trasparenti e accessibili. Tuttavia, come mostra la pratica, pochi depositanti sono disposti a rivelare informazioni su se stessi. Ecco perché la loro attenzione, come prima, è diretta verso paesi che non solo dichiarano, ma proteggono davvero anche il segreto del loro contributo.

Storicamente, la reputazione di alcune banche è sinonimo del concetto di "riservatezza", mentre altre sono popolari a causa della comodità di gestire conti, prossimità, ecc., Ma non il grado di protezione del segreto bancario. Pertanto, le banche sono condizionatamente divise in due categorie:

  • altamente confidenziale;
  • banche la cui privacy è meno protetta.

Banche altamente private

Tutte le banche garantiscono la riservatezza delle loro informazioni. In realtà, non tutte le banche sono pronte a difendere gli interessi dei propri clienti in una "lotta" con le autorità fiscali.

Banche di Svizzera, Austria, Liechtenstein e Lussemburgo dirigono questo gruppo. Né gli Stati Uniti, né il Canada, né la maggior parte dei paesi dell'UE che hanno ceduto le loro posizioni dopo l'adozione delle direttive UE sul riciclaggio di denaro, possono vantare una tale reputazione.

Il segreto bancario negli Stati Uniti è generalmente un concetto relativo: nel caso di una richiesta ufficiale da parte di agenzie governative russe o statunitensi, le informazioni sul conto del depositante vengono immediatamente trasmesse alle autorità fiscali russe o statunitensi, rispettivamente. La legge sul segreto di deposito (Legge sul segreto bancario 1970) prescrive la fornitura di informazioni su transazioni "sospette" alle autorità. Tali informazioni dovrebbero immediatamente andare all'archivio finanziario centrale Crimes Enforcement Network 1.

Nel 2003, i ministri delle finanze dell'UE sono riusciti a convenire che le banche dovrebbero informare le autorità fiscali in merito all'importo degli interessi ricevuti su qualsiasi deposito bancario. Dal 1 ° gennaio 2005 sono entrate in vigore le disposizioni della direttiva UE che disciplina lo scambio di informazioni sugli investimenti a fini fiscali, che, secondo il piano dei suoi fondatori, renderà possibile divulgare molti segreti bancari.

Consideriamo più in dettaglio le roccaforti esistenti del segreto bancario.

Svizzera

La Svizzera ha più di 400 banche, a cominciare dalle cosiddette Two Big Banks (UBS e Credit Swiss) e termina con le piccole banche. Il segreto bancario non è limitato nel tempo, rimane in vigore anche dopo la chiusura dell'account del cliente.

Se prima il concetto di "segreto bancario" era certamente associato alle banche svizzere, oggi i media sono pieni di informazioni che "uniscono" informazioni sui loro depositanti. Uno degli ultimi "ciottoli" nel giardino delle banche svizzere è stato lo shock della comunità mondiale sulla divulgazione delle informazioni UBS sui loro clienti 2. Due depositanti sono stati arrestati con l'accusa di aver nascosto beni 3. I dati sui conti "non dichiarati" degli americani sono stati trasferiti alle autorità statunitensi per indagare sui casi di evasione fiscale.

Negli ultimi anni, purtroppo, questo non è un caso isolato.

Era la fiducia nell'anonimato completo che ha sempre attratto clienti da tutto il mondo.

Dalla storia si sa che i leader fascisti, così come gli ebrei perseguitati da loro, preferivano mantenere i loro risparmi nelle banche svizzere. Dopo la guerra, i baroni colombiani, i dittatori africani e gli evasori fiscali di tutto il mondo pomparono i loro miliardi sporchi in casseforti svizzere.

Un paese le cui banche hanno accumulato quasi un terzo del capitale privato mondiale sui conti di deposito è ora costretto a concordare con le norme internazionali di trasparenza fiscale, sacrificando il segreto bancario.

La protezione del segreto bancario in Svizzera non è regolata solo dal diritto civile, in particolare dalla legge bancaria del 1934, ma anche dal diritto penale - il Codice penale svizzero nel 1937 (Schweizerisches Strafgesetzbuch, 1937). Per la divulgazione del segreto bancario in Svizzera, sanzioni penali.

Il riciclaggio di denaro sporco non era considerato un crimine in Svizzera fino al 1990. La legislazione sul segreto bancario proteggeva in modo affidabile i clienti della banca, membri della mafia delle autorità straniere che li perseguivano.

Nel 1998, le leggi contro il riciclaggio di denaro hanno cambiato radicalmente le politiche interne delle banche private. Ora il banchiere svizzero potrebbe essere in prigione se non rivela i nomi di clienti sospetti alle autorità. Di conseguenza, sotto l'assalto delle direttive europee, così come il governo degli Stati Uniti, il "muro del silenzio" svizzero 4 fu distrutto e il segreto bancario di 300 anni fu messo fine.

Ma ci sono fatti che confutano quanto sopra. Stiamo parlando del recente rifiuto di UBS di fornire informazioni alla corte statunitense sui suoi clienti - residenti negli Stati Uniti. Secondo i rappresentanti della banca, tale richiesta non è legittima e, di conseguenza, non può essere eseguita 6.

Nonostante tutto, la Svizzera non intende abbandonare completamente la riservatezza dei depositi. Il presidente della Confederazione Hans-Rudolf Merz ha affermato che il Paese fornirà le informazioni necessarie su richieste dettagliate da parte di rappresentanti di altri paesi solo in casi individuali, vale a dire su basi comprovate. Il Presidente ritiene che ciò preserverà le difficoltà nel lavoro dei dipendenti impegnati nella ricerca di persone che eludono le tasse. "Non ci sarà lo scambio automatico di informazioni", ha dichiarato Hans-Rudolf Merz 7.

Austria

L'Austria è stata a lungo attraente per gli investitori con un alto grado di protezione dal segreto bancario. Riservatezza delle informazioni e ora rimane uno dei principi fondamentali del settore bancario in questo paese. Inoltre, fu il governo austriaco che fu uno dei primi ad annunciare una garanzia di un contributo (garanzie governative). Le banche austriache preferiscono lavorare principalmente con conti "cumulativi". Naturalmente, in questo caso c'è il rischio che il denaro del depositante non sia stato dichiarato, ma c'è una reale speranza che tale account non venga utilizzato attivamente durante le frodi.

L'Austria, come la Svizzera, ha dovuto correggere le regole per l'identificazione dei clienti, per rafforzare la procedura di "Due Diligence" 8. L'innovazione più radicale è stata l'abolizione dei libri di risparmio anonimi (Sparbucher). Questo strumento era interessante perché anche le banche stesse non avevano dati sui proprietari dei libri da loro emessi. Nel 2002, i proprietari delle casse di risparmio sono stati costretti a rivelare informazioni su se stessi, ma ciò non ha causato un massiccio deflusso di clienti dalle banche austriache. E non è sorprendente: il principio "Conosci il tuo cliente", che significa "Conosci il tuo cliente", è stato applicato universalmente in quel momento. Pertanto, l'inasprimento delle esigenze delle banche austriache non è stato una sorpresa per nessuno.

Le banche austriache, di regola, sono molto più liberali delle organizzazioni creditizie della maggior parte degli altri paesi dell'UE in materia di apertura di conti per clienti dall'Europa orientale. Pertanto, le regole della Due Diligence in Austria sono molto meno probabilità di essere un pretesto per rifiutare di aprire un conto per un cliente solo perché è residente in Russia o in Ucraina, ad esempio. Lo stesso si può dire sull'apertura di conti presso banche austriache a società offshore: se una società ha tutti i documenti in ordine, e i suoi beneficiari sono noti alla banca, le procedure di Due Diligence sono passate, la probabilità di una decisione positiva di aprire un conto è molto alta.

L'atteggiamento nei confronti del segreto bancario in Austria è molto serio e la situazione può essere modificata solo tenendo un referendum. Le norme sulla segretezza dei depositi bancari in Austria contenute nella legge sulle attività bancarie (The Austrian Banking Act e The Austrian Financial Market Authority Act del 1993) sono valutate dagli esperti come una delle più severe al mondo. La legge stessa ha uno status costituzionale, cioè, a differenza di altri atti legislativi, le modifiche e le modifiche richiedono una procedura complessa e devono essere approvate dal Parlamento austriaco.

Persino l'ingresso dell'Austria nell'UE nel 1995 non ha comportato un cambiamento nel regime di segretezza del segreto bancario. Tenendo conto di tutti i dettagli delle relazioni tra l'Austria e l'UE, è improbabile che i privilegi delle banche in relazione al mantenimento della segretezza dei depositi vengano modernizzati nel prossimo futuro. A causa del rigoroso segreto bancario, le banche austriache godono di un'ottima reputazione.

Va notato che l'Austria non compare nella lista nera delle banche pubblicate negli Stati Uniti.

Liechtenstein

Il Liechtenstein è conservatore in materia di segreto bancario. Un tempo, era persino incluso nella lista nera del FATF 9 a causa della riluttanza a scambiare informazioni sui depositanti. Tuttavia, già nel 2001 un piccolo paese è stato cancellato da questa lista. Ma fino ad ora, per le organizzazioni internazionali che lottano contro il crimine finanziario globale, il Liechtenstein è una roccia irresistibile.

Il segreto bancario in Liechtenstein è protetto dalla legge bancaria del 1961. La legislazione del paese regola direttamente che la banca non è obbligata a rivelare informazioni sul reale proprietario di denaro a nessuno.

Tuttavia, anche la banca più affidabile non è assicurata contro errori fatali. L'anno scorso è stato segnato per il Liechtenstein dal più grande scandalo nella storia degli istituti di credito nel paese. Per LGT, Heinrich Kiber 10 è diventato un tale errore, che è stato reclutato nel 2001 e copiato e portato dati su conti di 1.400 clienti. Questa informazione rappresenta il sancta sanctorum di qualsiasi banca - contiene dati sui nomi reali dei proprietari di denaro, così come la quantità di depositi 11. Questo database è un ex direttore di banca venduto all'intelligence tedesca. I ricchi cittadini tedeschi amano molto il paradiso fiscale del Liechtenstein. Secondo Berlino, si stima che fino a 4 miliardi di euro saranno depositati nei conti delle banche di questo piccolo principato europeo 12. Inoltre, il database, rubato da Cyber, conteneva informazioni su 1.400 clienti LGT, di cui 600 residenti in Germania.

Dopo che la Germania ha acquisito informazioni sui suoi cittadini che hanno conti LGT, il Liechtenstein ha deciso di attenuare i requisiti della legge sulla protezione del segreto bancario.

Dal 1 ° gennaio 2001, in Liechtenstein è in vigore una nuova legge che prevede l'obbligo per un professionista di esercitare la necessaria cautela nelle transazioni finanziarie. L'OCSE, così come il gruppo internazionale sulla lotta contro il riciclaggio dei fondi del FATF, ha definito il Liechtenstein uno stato che sostiene la lotta internazionale contro il riciclaggio di denaro.

Con quindici banche, il Liechtenstein è un esempio di un sistema bancario moderno ed efficiente. Mantenere il segreto bancario è una priorità assoluta: una legislazione rigorosa e completa impone ai banchieri locali di esercitare la massima moderazione e cautela. Sebbene il segreto bancario possa essere divulgato da un tribunale di giurisdizione locale in casi criminali, i banchieri del Liechtenstein sono meno disposti a farlo rispetto alla Svizzera. La famiglia del Granduca è ampiamente coinvolta negli affari finanziari del principato.

Lussemburgo

Il Lussemburgo, come l'Austria, ha sancito i postulati del segreto bancario nelle sue leggi costituzionali. Secondo la legge sulle banche del 1981, il Lussemburgo offre un segreto bancario ancora migliore rispetto alla vicina Svizzera e al Liechtenstein. La legge offre importanti garanzie che le informazioni provenienti dalla banca non cadano nell'autorità fiscale estera. Il settore bancario dell'economia lussemburghese è vitale per reintegrare il tesoro pubblico. La sua posizione centrale tra paesi limitrofi con tasse elevate, come Francia, Belgio, Germania, significa una grande clientela potenziale, che a sua volta ha portato ad un'alta concentrazione di istituzioni finanziarie.

Il Lussemburgo, come gli altri stati europei, è sotto costante pressione da parte di organizzazioni che lottano contro il riciclaggio di denaro sporco. La soluzione di questa domanda, adottata dal governo del paese, è simile alla decisione delle banche di Austria e Liechtenstein. Automaticamente, le autorità fiscali dei rispettivi stati non sono informate dell'apertura dei conti da parte dei loro residenti. Tuttavia, le banche non negano la possibilità di trasferire informazioni nel caso di una richiesta speciale in un caso particolare che ha la natura di un crimine secondo le leggi di un altro paese.

risultati

Riassumendo, vorrei sottolineare che l'economia di questi paesi è strettamente legata ai depositi bancari. Questo fatto non può essere ignorato, in quanto è impossibile non tener conto della crescente pressione delle organizzazioni internazionali. La crisi economica ha costretto i governi di molti paesi a cercare di uscire dall'offerta di moneta del paese, che va oltre i suoi confini, per rafforzare le sue politiche. Tuttavia, per i paesi il cui sostentamento è un investimento da parte degli investitori, è più importante mantenere i clienti piuttosto che seguire le regole degli accordi internazionali. È per questo motivo che il GAFI non sarà presto in grado di ottenere da Svizzera, Austria, Liechtenstein un pieno scambio di informazioni, portato all'automatismo.

Una rigorosa regolamentazione legislativa del segreto bancario consente di limitare il numero di richieste indirizzate a una determinata banca. Solo in caso di decisione giudiziaria positiva sull'esistenza di un reato, la richiesta ufficiale viene trasmessa alla banca. E in seguito, la banca decide autonomamente se divulgare informazioni o meno. Ma anche in questo caso, le banche fino all'ultimo cercheranno di limitare la quantità di informazioni divulgate.

Tuttavia, vorrei notare l'unico modo giusto per evitare lo scandalo associato alla divulgazione di informazioni sugli investitori - il business più "pulito". In questo caso, anche se le autorità fiscali sono fornite con informazioni sul beneficiario, ciò non comporterà alcun problema, dal momento che tutte le entrate di tale persona sono dichiarate.

note

Fox Jaka. UBS invia i nomi di 70 dei suoi clienti al governo degli Stati Uniti: uno studio // Reuters, 10.11.2008 Torna indietro

Martha Greibow. Banche svizzere È ora di smettere di fare affari nei paradisi fiscali // The Washington Post, 01.05.2009. Torna indietro

Batti Balzley Europa, gli Stati Uniti attaccano il segreto delle banche svizzere // Spiegel Online International, 20.05.2008

Sam Cotes e Gary Dunken. Le banche svizzere accettano di porre fine ai 300 anni di storia del segreto bancario // Times Online, 14/03/2009 Torna indietro

UBS non consegna il segreto bancario // Bankir.ru, 05/04/2009 Torna indietro

Devlin Varet. Gli Stati Uniti stanno aumentando la pressione su UBS per quanto riguarda il segreto bancario // ABC News, 19/02/2009

Due diligence (inglese) valutazione legale completa, consulenza legale. Due Diligence: un'analisi completa dell'azienda o di un individuo. Questa procedura comporta un sistema per la raccolta e l'analisi delle informazioni sui clienti potenziali o esistenti, che è necessario per la banca per proteggere la proprietà da possibili danni. Apparendo nel settore bancario, questo termine è stato presto accettato da analisti, revisori dei conti, avvocati. Torna indietro

Gruppo di azione finanziaria contro il riciclaggio di denaro (GAFI), gruppo di azione finanziaria sul riciclaggio di denaro. Organizzazione intergovernativa istituita per sviluppare e attuare misure collettive per combattere il riciclaggio di proventi criminali e il finanziamento del terrorismo. Istituito in conformità con la decisione del vertice del G-7 a Parigi nel 1989. Attualmente, il GAFI è composto da 34 partecipanti. Torna indietro

Lionel Browning. Lo scandalo della segretezza bancaria si sviluppa come un thriller // The New York Times, 14/08/2008 Torna indietro

Trail Liechtenstein. // Spiegel Online International, 16/02/2008 Torna indietro

Segreto bancario: il Liechtenstein attenua la legislazione // Pravo.ru, 13.04.2009. Torna indietro

Portale aziendale leader
industria offshore in russo

14 agosto 2017 14 agosto 2017

Il segreto bancario è ancora vivo in Svizzera?

Di recente, la pressione sulla Svizzera e le sue banche, sospettate di facilitare il riciclaggio di denaro e l'evasione fiscale da parte di individui particolarmente ricchi provenienti da tutto il mondo, è aumentata in modo significativo. La Svizzera è sempre stata famosa per il suo segreto bancario, che proteggeva in modo affidabile i clienti delle banche da qualsiasi interferenza nella loro vita finanziaria privata. Dopo che gli Stati Uniti hanno costretto la Svizzera a emettere informazioni bancarie sui propri clienti, molti hanno iniziato a dire che il segreto bancario in Svizzera era morto. Tuttavia, è davvero così?

Molti fatti ci fanno pensare che le voci sulla morte dei segreti bancari in Svizzera siano alquanto esagerate.

Primi risultati della politica di de-autorizzazione

A causa della più forte pressione internazionale, l'attività di garantire la segretezza e la riservatezza è diventata più complessa, ma allo stesso tempo più redditizia. In passato, le grandi aziende e le persone ultra-ricche potevano risparmiare sulle spese di consulenza per la creazione di una struttura di proprietà statale affidabile e impenetrabile. Oggi, per proteggere lo stato offshore, è indispensabile un complesso sistema multilivello. E più sono serrati i dadi - più costosi diventano tali servizi, più le strutture offshore diventano difficili.

La Svizzera è tradizionalmente un paese politicamente neutrale. Tuttavia, fa parte dell'OCSE e si trova proprio nel centro dell'Unione europea. E per molti anni, il segreto bancario della Svizzera non ha infastidito nessuno e, al contrario, soddisfatto. Ma in un declino della crescita economica globale e delle difficoltà finanziarie, in particolare nei paesi europei, vi è un'urgente necessità di trasparenza finanziaria. E il segreto bancario della Svizzera cominciò a incrinarsi.

Doppio gioco della Svizzera

Da un lato, per l'intera comunità mondiale, la Svizzera mostra diligentemente la volontà di cooperare. Nel 2009, il governo svizzero ha fornito alle autorità statunitensi dati su 5.000 clienti UBS. E 'stata una vittoria seria. Ma gli Stati Uniti hanno una leva seria sulla Svizzera - un monopolio sul dollaro. Una banca svizzera senza un conto corrispondente con una banca statunitense è una banca morta. Questo è il motivo per cui gli Stati Uniti hanno ancora il maggior successo nell'ottenere le informazioni necessarie dalla Svizzera.

Altri paesi non hanno tali opportunità per pressioni o forti motivazioni. Le multe occasionalmente assegnate a una banca svizzera sono più come una quota di iscrizione che sanzioni gravi. Hai pagato la multa e continui a fare lo stesso.

Nel 2015, la prima ricerca è stata condotta nei locali della banca svizzera HSBC a Ginevra. La banca è stata sospettata di facilitare il riciclaggio di denaro, che è un crimine grave. Tuttavia, un importo di 40 milioni di CHF ha risolto il problema. La Procura di Ginevra ha deciso che questo importo sarebbe stato sufficiente per "espiare i peccati" della banca e ridurre le indagini.

Un altro indizio che la Svizzera usa: le informazioni nel quadro dell'assistenza amministrativa reciproca tra paesi sono presentate solo se i sospetti si basano su informazioni ottenute legalmente. Cioè, le informazioni che sono state rubate dalle banche e con l'aiuto di informatori trasferiti alle autorità di altri paesi (la Germania in particolare ama acquistare tali informazioni) non possono essere considerate una base necessaria per fornire informazioni bancarie sui clienti.

Inoltre, il fatto sembra abbastanza ovvio: le autorità svizzere stanno prestando molta più attenzione a indagare sui casi di fughe di informazioni, in cui gli imputati sono informatori. A sua volta, la Svizzera è riluttante a indagare contro le sue banche e, al più presto, le interrompe, contente le ammende.

In effetti, la Svizzera gioca un doppio gioco: è d'accordo con i requisiti di trasparenza finanziaria, ma crea barriere burocratiche e amministrative che impediscono l'attuazione. Condanna l'evasione fiscale e il riciclaggio di denaro sporco, ma giudica severamente gli informatori che hanno fornito informazioni su questi crimini.

Rendendosi conto che solo gli Stati Uniti possono ottenere qualcosa da soli dalla Svizzera, altri paesi stanno iniziando a unirsi e inviare richieste consolidate.

Più di recente, le autorità fiscali dei Paesi Bassi, insieme ai loro colleghi di Australia, Francia, Germania e Regno Unito, hanno inviato alla Svizzera una richiesta di informazioni sui depositanti del Credit Suisse. Le informazioni erano necessarie per indagare sulla possibile evasione fiscale da parte di centinaia di cittadini di questi paesi. Sono stati cercati uffici bancari ad Amsterdam, Londra e Parigi. Questi eventi hanno causato uno scandalo diplomatico tra la Svizzera e i Paesi Bassi. Le autorità svizzere sostengono di non aver ricevuto informazioni su ciò che sta accadendo. E i rappresentanti della banca Credit Suisse affermano di essersi sbarazzati da tempo di clienti inaffidabili.

Tuttavia, oggi aprire un conto bancario in Svizzera è un'attività rischiosa. È già chiaro che la Svizzera si scanserà fino all'ultimo per preservare i suoi segreti bancari tradizionali. Ma questo sarà possibile solo fino a quando non sarà sottoposto a forti pressioni. Inoltre, non dovremmo dimenticare lo scambio automatico di informazioni, al quale parteciperà anche la Svizzera.

Iscriviti al nostro canale di telegramma e racconta ai tuoi conoscenti nel mondo degli affari.

I segreti bancari interni della Svizzera rimarranno intoccabili.

A seguito della stragrande maggioranza dei partiti politici, il 4 novembre 2015 il governo della Confederazione ha respinto l'idea che il segreto bancario svizzero all'interno del paese avrebbe dovuto essere indebolito. L'idea, secondo i sondaggi, è respinta anche dalla stragrande maggioranza degli svizzeri. Così, le ultime aspirazioni internazionali nella direzione di una maggiore trasparenza, che riguardano tutti, tra cui Singapore, Lussemburgo e Monaco non comporteranno la cancellazione dei segreti dei depositi all'interno della Svizzera. Cosa significa - leggere nel portale materiale "Switzerland Business".

Qual è il "segreto bancario della Svizzera"?

In sintesi, il segreto bancario della Svizzera è una naturale estensione del diritto di proprietà, imponendo alle banche e alle altre istituzioni finanziarie l'obbligo di mantenere riservate le informazioni sui clienti (dimensione del deposito, operazioni e persino l'esistenza di un account) - innanzitutto dagli enti governativi (!). Inoltre, tutti i dipendenti delle istituzioni finanziarie, sotto la pena di sanzioni penali, hanno il dovere di mantenere la segretezza dei depositi.

Il diritto alla proprietà privata è uno dei principi fondamentali della società svizzera e dello Stato di diritto, il cui rispetto garantisce la vera libertà a tutti. Non sarebbe esagerato affermare che il segreto bancario svizzero è uno strumento per proteggere la vita privata dalla supervisione dello stato e dettare. È il segreto bancario che è stato progettato per proteggere dal racket sia da parte di teppisti "privati" che dall'attenzione eccessiva degli organi statali (ispettorato fiscale, pubblici ministeri, ecc.). È il segreto bancario della Svizzera che garantisce un futuro sereno - prosperità per la famiglia, una buona educazione per i bambini, e semplicemente la salvaguardia dei soldi guadagnati - senza paura di perdere tutto in un momento.

Alcuni potrebbero obiettare che ci sono casi noti di scoperta in Svizzera dei "soldi sporchi" degli ex dittatori dell'Africa o dell'America Latina. A tale riguardo, l'obiezione è vera. Tuttavia, ripeto, solo a questo riguardo. Questi casi hanno davvero un posto dove stare e nessuno li nega. Inoltre, i colpevoli portano la pena appropriata non appena la loro colpevolezza è debitamente provata e la decisione giudiziaria è entrata in vigore (presunzione di innocenza).

Dire (come nella maggior parte dei casi i media russi) che le banche svizzere sono progettate per nascondere denaro criminale significa quasi la stessa cosa che ogni acquisto di un'auto è destinato a far cadere un pedone in un incidente o che il proprietario di un salone di vendita è la colpa. Nella stragrande maggioranza dei casi, l'apertura di un conto in una banca svizzera persegue esclusivamente interessi legittimi: protezione contro le intrusioni illegali, risparmio di risparmio in tempi di crisi, attività commerciali nell'arena internazionale, ecc.

Il fatto che le grandi masse abbiano ascoltato solo l'uso illegale delle banche svizzere è dovuto a un fatto piuttosto comune: i media nel perseguimento dei rating pubblicano solo scandali sui segreti dei depositi delle istituzioni finanziarie svizzere. Tuttavia, pochissime persone dicono (ed è un peccato!) Che, per esempio, il signor A., ​​avendo aperto un conto in Svizzera, è stato in grado di salvare i suoi beni dal (prossimo) default nella sua terra d'origine e quindi ha fornito ai suoi figli buone prospettive nella vita. Sfortunatamente, le notizie negative e frettolosamente elaborate nel mondo moderno sono molto più richieste dei materiali di alta qualità, ma meno sensazionali.

Quindi, vorrei sottolineare ancora una volta, il segreto bancario della Svizzera protegge la privacy di tutti ed è una garanzia di libertà economica. Questi fattori hanno reso la Confederazione uno degli stati giuridici di maggior successo al mondo.

Con sottigliezze legali legali

Quando si copre l'argomento nei media, viene spesso sottovalutato il fatto che il segreto bancario svizzero è legato a fenomeni complessi a lungo termine nella scienza e nella pratica legale. Sfortunatamente, i giornalisti che non hanno un'educazione legale, anche se lo vogliono davvero, non sono in grado di comprendere tutte le sottigliezze dell'istituzione oggetto di studio. Di conseguenza, i lettori soffrono inconsapevolmente, a chi tali "squali della penna" consegnano il cosiddetto "fast food informativo", la maggior parte dei quali non ha nulla a che fare con la realtà.

Sfortunatamente, il segreto bancario in Svizzera è stato spesso vittima della mancanza di professionalità dei giornalisti russi e di altri paesi della CSI, che nei loro "articoli" hanno già sotterrato questo segreto molte volte: nel 2009, nel 2011 e nel 2013 (fino a 2 volte). Tuttavia, il segreto dei contributi alla Confederazione continua a funzionare. A proposito, la prossima disinformazione da parte di editori apparentemente di spicco come Forbes, Kommersant, ecc., Contro le banche svizzere si è verificata letteralmente 3 settimane fa. Leggi in dettaglio nel nostro materiale "Le banche svizzere hanno negato informazioni sulla chiusura dei conti russi".

I segreti bancari interni della Svizzera rimangono intatti

Grafica: dominio pubblico

Come annunciato dal ministero delle Finanze a Berna il 4 novembre 2015, il segreto bancario interno della Svizzera rimarrà intatto. Pertanto, il governo della Confederazione rifiuta di riformare la legislazione sulle procedure bancarie, criminali e penali, secondo la quale originariamente era previsto di modificare i concetti di "evasione fiscale" (Steuerhinterziehung) e "frode fiscale" (Steuerbetrug), nonché l'eliminazione della distinzione tra loro ai fini dell'indagine. Ciò significa che i dati bancari sui beni di persone che sono residenti fiscali della Svizzera e che non hanno passività fiscali in altri paesi continueranno a essere protetti dal segreto bancario e possono essere rilasciati su richiesta delle autorità fiscali solo se vi sono prove convincenti e decisione del tribunale.

Il pranzo delle giuste forze politiche ha rafforzato la posizione del segreto bancario

Il segreto bancario svizzero è un elemento integrante della relazione di fiducia tra individuo e stato. Inoltre, il segreto dei depositi serve come uno dei vantaggi competitivi delle banche della Confederazione in concorrenza con le loro controparti straniere per l'attenzione di individui facoltosi. Allo stesso tempo, ci sono forze politiche nella stessa Svizzera che vorrebbero cancellare il segreto bancario (e non solo) e quindi distruggere il modello di successo del funzionamento dell'economia e della società. Discorso in questo contesto, naturalmente, riguarda le parti di sinistra - i Verdi (Grüne / Parti écologiste suisse) e i socialdemocratici (SP / PS).

Fortunatamente, queste parti si sono notevolmente indebolite dopo le elezioni del 18 ottobre 2015. Al contrario, i partiti di destra (SVP / UDC e FDP / PLR), che tradizionalmente sostengono un'economia liberale e la non interferenza dello stato nella vita privata, hanno aumentato la loro presenza in Parlamento. compresi e per il segreto bancario. Il governo di Berna non indica come i risultati delle elezioni del 10 ottobre 2015 abbiano influenzato la decisione di rifiutare di indebolire il segreto bancario. Tuttavia, è ovvio che esiste una connessione definita tra questi eventi.

Segreto bancario in Svizzera

Il segreto bancario svizzero garantisce la riservatezza delle informazioni sui depositi presso le banche svizzere da oltre 300 anni.

I banchieri di Ginevra erano i banchieri di corte dei re francesi, e le prime informazioni scritte sul segreto bancario risalgono al 1713. Fino al 1934, le disposizioni sul segreto bancario erano contenute nei codici civile e del lavoro della Svizzera. I tribunali federali li hanno consacrati nelle pratiche di applicazione della legge - da ora in poi un cliente che ha sofferto della divulgazione del segreto bancario, potrebbe successivamente recuperare dalle perdite bancarie. La legge federale "On Banking", adottata nel 1934, affermava chiaramente che il segreto bancario è un concetto di diritto penale. Da questo momento in poi, il banchiere potrebbe essere punito con la reclusione per aver divulgato il segreto bancario, che ha ulteriormente rafforzato i diritti del depositante sulla riservatezza delle informazioni trasmessegli.

A partire dal 1 ° gennaio 2005 entrano in vigore le disposizioni della direttiva dell'Unione europea che disciplina lo scambio di informazioni sugli investimenti a fini fiscali, che, secondo i suoi creatori, rivelerà molti segreti bancari. Ma ciò non influirà sulla più famosa roccaforte del segreto bancario: la Svizzera, che non è membro dell'UE.

La Svizzera, situata nel cuore dell'Europa, che detiene 1/3 del capitale privato mondiale, continua a proteggere attentamente la segretezza dei depositi bancari, nonostante le pressioni dell'Unione europea.

Ovviamente, il segreto bancario in Svizzera non è assoluto. La legge svizzera specifica in dettaglio la situazione in cui il segreto bancario può essere parzialmente divulgato.

Nelle indagini penali, un atto commesso da un criminale deve essere criminalizzato secondo le leggi della Svizzera. Quest'ultima circostanza è essenziale per mantenere il segreto bancario, dal momento che le violazioni fiscali sono legate a reati minori in Svizzera e non sono criminalizzate. In Svizzera, l'evasione fiscale non è una base giuridica sufficiente per divulgare informazioni che costituiscono il segreto bancario. Se viene commessa una frode fiscale, viene avviata una causa penale in relazione alla quale il segreto bancario può essere divulgato. La Svizzera si rifiuta di collaborare con i tribunali per quanto riguarda i casi di evasione fiscale.

Oggi la legislazione bancaria svizzera soddisfa i più elevati standard internazionali nel campo della lotta al crimine organizzato e della lotta al riciclaggio di denaro "sporco". Tuttavia, questo risultato è stato raggiunto senza compromettere la riservatezza dei conti dei clienti rispettosi della legge. Nel mondo finanziario, la Svizzera ha occupato una nicchia unica nella fornitura di servizi bancari privati, dove altri centri finanziari non possono competere con essa. Le pressioni da parte dell'UE e degli Stati Uniti, le loro richieste di divulgare informazioni sui depositanti, sono un tentativo sul principio fondamentale del sistema bancario svizzero (riservatezza dei depositi bancari) e possono essere violati, i banchieri svizzeri non riescono neppure a concepire. Rispettano lo stato di diritto, ma non rinunciano a pratiche bancarie e fiscali sostenibili e autosufficienti.

Negli ultimi 10-20 anni, molto è cambiato. In effetti, il segreto bancario svizzero ha consentito un altissimo grado di flessibilità. Ad esempio, è stato possibile aprire un account senza dare un nome o un cognome, senza fornire alcuna informazione di sorta. E per molto tempo tutti stavano bene.

Ma circa 20 anni fa c'erano dei dubbi. E i cambiamenti iniziarono. C'erano un totale di tre fasi. All'inizio, le banche mantenevano segreti e non pensavano all'origine del denaro, né ai clienti stessi. Al secondo si interessarono a questi temi, al terzo - a prendersi la responsabilità.

Negli anni '90. un sistema molto severo di controllo della legalità delle operazioni bancarie è stato creato nelle banche svizzere, che può essere espresso in tre regole: KYC, KYT, KYP.

Queste sono abbreviazioni inglesi. KYC (Conosci il tuo cliente - Conosci il tuo cliente) significa che devi studiare attentamente la tua clientela. KYT (Know Your Transaction) significa che è necessario essere costantemente a conoscenza di tutte le ricevute e pagamenti. KYP (Know Your Process Know Your Process) è un requisito più complesso. Qui è necessario che sia la banca che il suo sistema informatico siano ben consci del solito lavoro di routine e su questo sfondo potrebbero rivelarsi operazioni insolite e discutibili.

5. Perché le banche svizzere sono le più affidabili?

banca nazionale svizzera

1. È difficile andare in bancarotta. Il sistema di banche nel paese alpino è costruito in modo tale da non poter quasi fallire. Quindi, i clienti non possono preoccuparsi della sicurezza dei loro fondi. Le banche non promettono ai loro investitori un reddito garantito, non utilizzare il concetto di conti di deposito. Nel sistema finanziario del paese, la pratica di guadagnare reddito a causa della differenza tra il tasso di interesse promesso al depositante e il profitto ricevuto dal denaro del cliente non è praticamente applicabile. Le banche non sono alla ricerca di oggetti di investimento ad alto rischio al fine di ottenere un ritorno sulla differenza. I finanzieri guadagnano il massimo denaro possibile dai clienti, non partecipando ai profitti degli investitori. Inoltre, le banche svizzere emettono raramente prestiti.

Che cosa, allora, è il profitto? I banchieri gestiscono i fondi degli investitori nei loro interessi e in conformità con i requisiti dei clienti. Per questo viene addebitato un costo, ad esempio 0,75% annuo dell'importo nel conto. Il cliente riceve tutto ciò che la banca ha guadagnato con i suoi soldi, deducendo solo il pagamento dei servizi bancari. Questo è un vantaggio diretto per gli investitori.

2. Ieri e oggi. Le banche del paese, inoltre, sono al passo coi tempi e stanno adottando nuove tecnologie che nascono nel mondo finanziario. Non ci sono quasi assegni di carta usati con firme e grandi quantità di denaro. Sono sempre più sostituiti da trasferimenti elettronici attraverso il sistema bancario online e le firme digitali. Naturalmente, la sicurezza del denaro non è più garantita dallo spessore delle pareti di casseforti e sofisticate serrature a combinazione, ma dalla tecnologia megabit per la codifica delle informazioni. Di solito le banche svizzere offrono la soluzione adatta al cliente al cento per cento. Non importa se stiamo parlando di contenzioso con un ex coniuge o persecuzione politica del contribuente nella sua terra natale. Pertanto, tra i clienti delle banche svizzere ci sono anche quelli che desiderano proteggere il proprio capitale da tasse elevate o controlli spiacevoli.

Tradizioni per mantenere il risparmio nelle banche del paese alpino per diverse centinaia di anni. Probabilmente a causa delle frequenti guerre civili e locali che scuotono l'Europa e alcune regioni del mondo, così come i disordini politici che si sono verificati. Le persone hanno sempre cercato di risparmiare i loro soldi nel caso delle cosiddette circostanze di "forza maggiore". Era sia nell'epoca della rivoluzione francese, nel periodo delle due guerre mondiali, sia nei tempi del collasso del sistema socialista e della successiva globalizzazione. L'alta reputazione delle banche svizzere è tutelata dal sistema normativo e dalla legislazione nazionale. Esse dettano condizioni speciali per il lavoro delle organizzazioni finanziarie locali, assicurano la riservatezza e la protezione dei conti di deposito dei cittadini di altri paesi. Uno dei segreti di un alto livello di affidabilità e stabilità è nell'assistenza dello stato.

3. La legge dalla parte degli investitori. La legge sulle banche, adottata nel paese nel 1934, gettò le basi per un sistema di riservatezza nelle banche in Svizzera. Uno dei motivi principali che spinse i legislatori alpini ad accettare queste regole fu la minaccia della Germania fascista. I nazisti cercarono di costringere le banche svizzere a fornire informazioni sui clienti "per il bene del Terzo Reich". Tuttavia, la legge adottata in questo paese indipendente e neutrale prevedeva la responsabilità penale per violazione del segreto bancario. La base legale per il segreto del deposito è stata posta. Pertanto, oggi è molto difficile ottenere l'accesso ai dati protetti sull'identità dei depositanti o sulla cronologia dei loro account. I servizi pubblici, in particolare in altri paesi, devono dimostrare pericolosi crimini finanziari ai clienti delle istituzioni finanziarie. Un'eccezione può essere fatta per Interpol se il ricorso motivato di questa organizzazione contiene informazioni sul comprovato riciclaggio di denaro.

4. I criminali non sono coperti. Naturalmente, la Svizzera non cerca di proteggere i criminali economici. Secondo gli esperti, la legislazione bancaria del paese soddisfa i più rigorosi standard internazionali per contrastare la legalizzazione del denaro "sporco". Così come nella lotta alla criminalità organizzata. Tuttavia, i clienti classificati come rispettabili e rispettosi della legge non possono temere per la sicurezza del segreto del contributo.

Un po 'di più sulla lotta contro i criminali. Supponiamo che un cittadino svizzero sia sospettato di aver commesso un reato. Se le autorità inquirenti forniscono la decisione del tribunale necessaria per l'indagine, le informazioni possono essere divulgate. Le stesse azioni possono essere prese nei confronti dei cittadini di altri paesi che hanno commesso reati all'estero.

È vero che il segreto bancario può essere divulgato in questo caso solo quanto stipulato nel contratto tra la Svizzera e il paese le cui forze dell'ordine hanno richiesto informazioni segrete.

È vero, le autorità investigative di paesi stranieri non possono rivolgersi direttamente a una banca svizzera. Per ottenere le informazioni richieste avranno bisogno di una decisione del tribunale svizzero. Un illecito commesso da un trasgressore deve essere soggetto al diritto penale svizzero. Altrimenti, in risposta a una richiesta da parte delle forze dell'ordine, seguirà un rifiuto.

conclusione

Il sistema bancario svizzero è stato a lungo associato ad affidabilità, riservatezza e professionalità. Le istituzioni finanziarie di questo stato sono fidate dalle persone più ricche e famose del pianeta. Un terzo di tutti i fondi detenuti in conti offshore in tutto il mondo sono archiviati nei conti delle istituzioni finanziarie del paese, secondo le statistiche non ufficiali. Questa condivisione è molto impressionante. La somma dei depositi, quindi, supera i 2 trilioni. dollari. Le parole "conto bancario svizzero" sono diventate sinonimo di "conto bancario segreto", e anche se la Svizzera è senza dubbio il posto più stabile, sicuro, sicuro e bello per conservare i vostri soldi, il fatto è che questo non è un paradiso fiscale.

Top